Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui agevolati dipendenti pubblici: cosa scegliere e perché

I mutui agevolati dipendenti pubblici sono piani che permettono di realizzare diverse esigenze importanti, dall’acquisto della prima casa fino alla costruzione di un box o di un posto auto.

Mutui agevolati Inps: tutte le caratteristiche

I mutui agevolati dipendenti pubblici sono i piani ipotecari riservati agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, che devono essere anche titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

I mutui in questione – richiedibili anche dai pensionati sempre iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali da almeno un anno – permettono di accedere al credito per le seguenti finalità: acquisto della prima casa per sé o per un familiare diretto, ristrutturazione di un’unità immobiliare già esistente, costruzione di un box o di un posto auto.

Mutui agevolati dipendenti pubblici: quanto si può chiedere?

Parlare dei mutui agevolati dipendenti pubblici vuol dire necessariamente approfondire i limiti di finanziamento. A quanto corrispondono? Ecco uno schema completo in merito:

  • Mutuo ipotecario finalizzato all’acquisto della prima casa: possibilità di chiedere fino a 300.000€ (100% del valore dell’immobile secondo perizia), cifra integrabile con altri 6.000€ finalizzati alla copertura dell’assicurazione facoltativa.
  • Mutuo ipotecario finalizzato alla ristrutturazione ordinaria o straordinaria di un immobile esistente: possibilità di chiedere un finanziamento massimo di 150.000€. La cifra in questione non deve mai essere superiore al 40% del valore dell’immobile secondo perizia.
  • Mutuo ipotecario finalizzato alla costruzione di un box o di un posto auto: possibilità di richiedere un finanziamento massimo di 75.000€.

Mutui per dipendenti pubblici: tutte le informazioni sui tassi

I mutui agevolati dipendenti pubblici sono caratterizzati dalla possibilità di scegliere tra le seguenti tipologie di tasso:

  • Tasso fisso corrispondente al 2,95% (valore modificato lo scorso 1° luglio 2015, in quanto prima di tale data si parlava di un tasso pari al 3,75%)
  • Tasso variabile da calcolare sulla base dell’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni

Mutui Inps ex Inpdap dipendenti pubblici: come richiederli

I mutui agevolati dipendenti pubblici possono essere richiesti esclusivamente per via telematizzata, presentando la domanda sul sito ufficiale Inps ex Inpdap. Le istanze possono essere caricate online dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno solare.

Fondamentale è allegare tutti i documenti richiesti, pena l’esclusione automatica della domanda anche se il richiedente risponde a tutti i requisiti lavorativi. Tutte le domande complete vengono analizzate e accettate, tenendo conto di una discriminante importante come la disponibilità finanziaria della direzione regionale competente.

In caso di fondi non sufficienti l’Ente procede alla redazione di una graduatoria, che viene preparata considerando come criteri principali la composizione del nucleo familiare e il reddito del richiedente principale. La graduatoria viene infine pubblicata sul sito ufficiale Inps.