Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Microcredito: cos’è e quali sono le possibilità per le imprese

Il microcredito è una misura economica che viene incontro ai soggetti che si trovano in stato d’indigenza e che hanno intenzione di accedere al credito per avviare nuove attività d’impresa.

Aderire a un’operazione di microcredito significa ricevere somme di denaro – generalmente molto contenute – anche se non si ha la possibilità di offrire garanzie di solvibilità.

In Italia è regolamentato a livello istituzionale, grazie alle misure messe in atto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Per entrare ulteriormente nel dettaglio possiamo specificare che si parla di un intervento del Fondo di Garanzia, che consente di accedere a operazioni di microcredito con finalità di sostegno a operazioni di microimprenditorialità.

Chi sono i beneficiari

La platea di beneficiari è il frutto dell’intervento del Fondo di Garanzia sono le realtà imprenditoriali già costituite e i soggetti titolari di Partita Iva da meno di cinque anni.

Un altro requisito vincolante riguarda l’impossibilità di avere più di 5 dipendenti. A questa regola fa eccezione il caso delle società di persone, delle SRL semplificate e delle cooperative, che possono accedere alle operazioni di microcredito e avvalersi della garanzia pubblica anche se hanno fino a 10 dipendenti.

I requisiti economici

Per accedere alle operazioni di microcredito regolamentate dal Ministero dello Sviluppo Economico è necessario considerare anche dei requisiti economici. Ricordiamo nello specifico la necessità di avere un attivo patrimoniale non superiore ai 300.000€ e dei ricavi lordi entro i 200.000€.

Anche l’indebitamento complessivo rientra nei requisiti per poter chiedere l’accesso al microcredito e il limite massimo al proposito è pari a 100.000€. Un’ulteriore regola per ricevere una risposta positiva alla richiesta di accesso riguarda, nel caso dei professionisti, la necessità di essere iscritti agli ordini professionali o alle associazioni di categoria iscritte a un apposito elenco del Ministero dello Sviluppo Economico.

Quanto possono durare i finanziamenti

Documentarsi sul microcredito significa considerare anche la durata massima dei finanziamenti, che in questo caso non può superare i 7 anni. Un altro aspetto essenziale riguarda il fatto che i suddetti finanziamenti non possono essere assistiti da garanzie reali e che il limite massimo è pari a 25.000€ per ciascun beneficiario.

Nei casi in cui è prevista l’erogazione frazionata è possibile aumentare il suddetto limite di 10.000€.

A questo punto è essenziale dare qualche indicazione sulle modalità di richiesta della garanzia, che può essere prenotata online sul sito Fondidigaranzia.it, indicando ragione sociale e forma giuridica della propria attività.

La conferma di prenotazione della garanzia può essere richiesta direttamente dal potenziale beneficiario a una banca o a un intermediario finanziario. Concludiamo ricordando che la concessione della garanzia è gratuita e non prevede il pagamento di alcun tipo di commissione.