Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Isee, rilascio dell’attestazione: guida

Cos’è il modello ISEE? ISEE è in realtà l’acronimo di Indicatore della Situazione economica equivalente. Si tratta di un documento che tiene presente il reddito, ponendolo in relazione al patrimonio e agli aspetti pertinenti del nucleo familiare attraverso la Dichiarazione sostitutiva unica. A cosa serve quindi? Si tratta di un indicatore che permette di fruire, a condizioni agevolate, di servizi o prestazioni sociali.

Indicatore della Situazione economica equivalente: a chi si rivolge

Chiunque può richiedere l’Indicatore della Situazione economica equivalente. Per quanto riguarda invece la durata, la Dichiarazione sostitutiva unica è valida dalla presentazione al 15 gennaio dell’anno successivo. ISEE, invece, è valida per due mensilità da quando è fornita la DSU.

L’Istituto nazionale della previdenza sociale è in grado di fornire l’Indicatore entro 10 giorni lavorativi dal momento in cui è presentata la Dichiarazione sostitutiva unica. Qualora entro 15 giorni (considerati sempre come lavorativi) non sia fornita l’ISEE da parte dell’Inps, si può conseguire una attestazione provvisoria, la cui validità è però limitata fino all’arrivo della documentazione prevista.

Come viene calcolato l’ISEE?

Com’è calcolato l’ISEE? È computato mettendo in rapporto l’Indicatore della situazione economica, ovvero l’ISE, e il criterio rilevato dalla Scala di equivalenza.

Analizziamo quindi questi due elementi. L’ISE è il frutto della somma dei redditi e 20% dei patrimoni mobiliari e immobiliari della famiglia, mentre la Scala di equivalenza prevede questi numeri:

Numero dei componentiParametro
11,00
21,57
32,04
42,46
52,85

Possono inoltre essere applicate delle maggiorazioni. Ad esempio è disposto lo 0,35 per ogni ulteriore componente. Si arriva allo 0,50 per ogni membro della famiglia che è soggetto a disabilità media, grave o non autosufficiente. Rileviamo inoltre lo 0,2 per le famiglie con figli minori.

La Dichiarazione sostitutiva unica riporta invece gli aspetti anagrafici, reddituali e patrimoniali della famiglia. Le informazioni indicate sono il frutto di varie fonti, da una parte vengono prodotte dallo stesso richiedente, in parte provengono dall’Agenzia delle Entrate e in parte dall’Inps.

Come richiedere l’Indicatore della Situazione economica equivalente

La DSU può essere presentata in qualunque momento proprio come la richiesta dell’ISEE. La richiesta può essere inoltrata online all’Inps mediante il servizio riservato. Si può comunque fruire del servizio sfruttando: le sedi CAF, l’ente erogatore della prestazione sociale o il comune.

Per maggiori informazioni sui servizi online (e non) presentati dall’Inps, vi invitiamo a visitare il portale