Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inps verifica regolarità contributiva: come avviene?

Inps verifica regolarità contributiva: cos’è il Documento Unico di Regolarità Contributiva?

Si tratta di un certificato unico che permette di verificare la regolarità di una imprese nell’ambito dei pagamenti e degli oneri previdenziali, assistenziali e assicurativi, ma anche degli altri oneri disposti dall’attuale normativa inerente a Inps, Inail e Casse Edili.

Le imprese compiono una sola richiesta di conseguimento della regolarità contributiva a uno di questi enti. In base a quanto disposto dalla legge numero 266 del 2002 e dal Decreto Legislativo n. 276/2003, INPS, INAIL e Casse Edili hanno infatti costruito delle convenzioni che permettono l’ottenimento di un Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

Inps verifica regolarità contributiva: da parte di chi è richiesto il DURC?

La richiesta può avvenire da parte di:

  • l’impresa, anche attraverso i consulenti del lavoro e le associazioni di categoria provviste di delega (cd. intermediari);
  • le Pubbliche Amministrazioni appaltanti;
  • gli Enti privati a rilevanza pubblica appaltanti;
  • le SOA (Società Organismi Attestazione – Società di attestazione e qualificazione delle aziende con il compito istituzionale di accertare ed attestare l’esistenza, nei soggetti esecutori di lavori pubblici, dei necessari elementi di qualificazione, tra cui quello della regolarità contributiva (art.8 co. 3 Legge n.109/1994).

La richiesta si realizza in una serie di circostanze:

  • per gli appalti pubblici e gli appalti di servizi e forniture;
  • per la gestione di servizi ed attività pubbliche in convenzione o concessione.
  • per i lavori privati in ediliziasoggetti al rilascio di concessione ovvero a denuncia inizio attività (DIA), prima dell’inizio dei lavori;
  • per il rilascio dell’ attestazione SOA;
  • per l’iscrizione all’Albo dei Fornitori;
  • per l’assegnazione di agevolazioni, finanziamenti e sovvenzioni, ove previsto dalle normative specifiche.

Inps verifica regolarità contributiva: come inviare la richiesta?

Ma come inoltrare la richiesta? La richiesta del DURC può essere contatta in forma telematica (ovvero mediante i portali www.inps.it, www.inail.it, www.sportellounicoprevidenziale.it), oppure in forma cartacea, sfruttando l’apposito modulo disponibile sul Web o presso qualsiasi Sede dell’INPS, INAIL e Casse Edili.

Pubbliche Amministrazioni, Enti privati a rilevanza pubblica e le SOA sono chiamati a inviare la richiesta di DURC solo in forma telematica. In merito ai lavori edili, la richiesta cartacea va presentata allo Sportello Unico. In eventualità differenti dall’edilizia, la richiesta cartacea va presentata alla Sede INPS o INAIL.

Quali sono le modalità di rilascio? Il DURC subisce un processo di rilascio sulla scorta degli atti esistenti e rilevati alla data indicata nella richiesta. Qualora si realizzi la temporanea indisponibilità degli atti necessari, e in ogni eventualità in cui sia necessario, la verifica dello stato di aggiornamento degli adempimenti può essere compiuta richiedendo all’impresa le quietanze dei versamenti o altra documentazione considerata utile.