Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inps prestiti agevolati 2017 fino a 150mila euro

Finanziamenti Inps 2016 2017: cosa sono e come funzionano

Con la riforma del sistema previdenziale italiano, varata dal Governo Monti, l’Inpdap è stato soppresso e tutte le sue funzioni sono passate all’Inps. Istituto che per gestire le pratiche ex Inpdap ha creato la Gestione Dipendenti Pubblici. Tra i vari servizi di competenza di quest’ufficio troviamo le linee di credito che fanno parte dell’offerta Inps prestiti ex Inpdap.

Si tratta di finanziamenti a tasso di interesse agevolato che consentono di accedere a somme anche importanti. Nello specifico l’offerta Inps prestiti si compone di due tipologie di finanziamenti: piccoli prestiti e prestiti pluriennali. In entrambi i casi il rimborso del finanziamento avviene tramite rate mensili, trattenute direttamente dalla pensione o dalla busta paga del beneficiario.

Prestiti pluriennali e piccoli prestiti Inpdap: le condizioni contrattuali

I piccoli prestiti rientrano nella categoria dei prestiti personali e consentono di accedere a somme fino a un massimo di 8 mensilità medie nette percepite dal richiedente. Per ogni anno di durata del presto infatti è possibile accedere a una somma pari a due mensilità medie nette percepite dal beneficiario.

Importo finanziabile che si riduce però a una mensilità media netta per ogni anno se il richiedente ha già in corso altre ritenute sulla pensione o sullo stipendio. Il tasso di interesse è del 4,25%.

I prestiti pluriennali invece sono prestiti finalizzati, ossia strettamente legati all’acquisto di un determinato bene o servizio. A differenza dei prestiti personali, vengono concessi solo a fronte di documentate necessità rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps.

Per quanto riguarda le condizioni contrattuali, i prestiti pluriennali consentono di accedere a somme fino a 150 mila euro e possono durare 5 o 10 anni. Tuttavia importo e durata del finanziamento sono definiti a seconda della ragione per cui si richiede il prestito, in base a quanto stabilito dal Regolamento Prestiti Inps. Il tasso di interesse è pari al 3,5%.

Prestiti Inps ex Inpdap: chi può richiederli? Come presentare domanda?

Ma chi può ottenere i finanziamenti ex Inpdap? I piccoli prestiti sono accessibili a tutti i dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, fondo credito attraverso il quale sono erogati i prestiti Inps ex Inpdap.

Per i prestiti pluriennali invece è necessario anche essere in possesso di almeno 4 anni di anzianità di servizio utile alla pensione e 4 anni di versamento contributivo alla Gestione unitaria. La domanda Inps prestiti deve essere presentata per via telematizzata.

Per la presentazione della domanda, i dipendenti pubblici devono rivolgersi all’Amministrazione di appartenenza mentre i pensionati pubblici possono scegliere se utilizzare il servizio di richiesta online o rivolgersi al Contact Center Inps.