Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inps mutui Inpdap: come acquistare casa a tassi vantaggiosi

Quale acquisto è più desiderato e importante dalla prima casa? Si tratta di un traguardo per le famiglie italiane ma che implica, nella maggior parte dei casi, la sottoscrizione di un mutuo casa. Quale finanziamento è più vantaggioso? Vediamo in dettaglio come si compone la proposta Inps mutui Inpdap. Tassi competitivi e rimborso fino a 30 anni.

Mutui Inps prima casa: i beneficiari e i requisiti

Inps mutui Inpdap: a chi sono rivolti? Stiamo parlando di finanziamenti pensati per la prima casa. I beneficiari sono rappresentati dai dipendenti e i pensionati iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.

Tra i requisiti rileviamo inoltre una anzianità di iscrizione non inferiore a un anno e i lavoratori devono essere assunti con un contratto a tempo indeterminato. Un aspetto quest’ultimo indispensabile vista la durata del piano di rimborso.

Mutuo Inpdap, durata e tassi di interesse

Inps mutui Inpdap prevedono infatti una durata di 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Il piano di ammortamento è alla francese ed è caratterizzato da rate semestrali posticipate.

I mutuatari che hanno almeno 65 anni possono contare su di una durata massima del finanziamento di 15 anni.

E per quanto riguarda il tasso di interesse? Rileviamo due opzioni. Per chi non intende correre rischi consigliamo il tasso fisso, che corrisponde al 2,95%.

Il tasso variabile è pari invece all’Euribor a 6 mesi maggiorato di 200 punti base.

Mutui Inpdap Inps: fino a 300mila euro per acquisto prima casa

A seconda della finalità del finanziamento sono definiti gli importi. Per la costruzione o acquisto della prima casa (non di lusso), il mutuatario può ricevere fino a 300mila euro.

L’abitazione deve essere impiegata come residenza da parte dell’iscritto e del suo nucleo familiare.

La seconda finalità è invece rappresentata dagli interventi eseguiti sull’abitazione principale. L’Inps fornisce credito fino al 40% del valore dell’abitazione. Va tuttavia considerato un altro vincolo: la cifra, in ogni caso, non può essere maggiore a 150mila euro.

Nel novero delle opere ammesse rileviamo interventi di ristrutturazione, trasformazione e adattamento. L’Inps eroga infine fino a 75mila euro per acquisto di un box o posto auto.

Prima casa: la richiesta

Veniamo a un altro elemento chiave: le procedure di richiesta. La domanda va inoltrata in particolari finestre temporali: i primi dieci giorni di gennaio, maggio o settembre.

L’invio deve realizzarsi sfruttando i servizi online del sito ufficiale Inps, inps.it. Per eseguire la procedura il mutuatario deve impiegare il PIN, un codice necessario per autentificarsi.

Per maggiori informazioni su Inps mutui Inpdap, vi invitiamo a visitare mutuoinpdap.org.