Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inps dipendenti pubblici: servizi online e prestiti

I servizi legati a Inps dipendenti pubblici comprendono una gamma di alternative molto ampia. Si passa infatti dai prestiti fino ai numerosi servizi online disponibili sul sito ufficiale dell’Ente.

Dipendenti pubblici prestiti: tutte le opzioni disponibili

L’elenco di Inps dipendenti pubblici prestiti comprende diverse alternative che consentono di richiedere denaro per finalità di vario tipo.

In questo novero è possibile includere opzioni come il piccolo prestito – prestazione economica rimborsabile con piani di ammortamento compresi tra i 12 e i 48 mesi – o i prestiti pluriennali, opzioni che consentono di far fronte a esigenze importanti grazie a prestiti rimborsabili anche in 120 mesi.

Dipendenti pubblici ex Inpdap: i mutui

Tra i finanziamenti riservati a Inps dipendenti pubblici i mutui ipotecari meritano un’attenzione particolare. Richiedibili da parte degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, questi finanziamenti consentono di ricevere prestiti fino a 300.000€ per l’acquisto della prima casa d’abitazione, anche per un familiare stretto.

Grazie ai mutui ipotecari Inps ex Inpdap è possibile richiedere finanziamenti anche per la ristrutturazione della casa o per la costruzione di un box o di un posto auto da considerare come pertinenza dell’abitazione principale.

Dipendenti pubblici area riservata: tutto sui servizi online

I servizi online presenti sul sito ufficiale dell’Ente sono un vantaggio interessante a disposizione di Inps dipendenti pubblici. L’area riservata del sito ufficiale Inps.it è il punto di riferimento più importante al proposito.

In questa parte del sito, accessibile tramite codice fiscale e PIN personale fornito al momento della registrazione al portale, è possibile scaricare documenti relativi alla propria posizione contributiva, controllare l’esito di eventuali richieste di unificazione e chiedere l’erogazione di prestazioni economiche.

Dipendenti pubblici: cosa fare in caso di smarrimento del PIN

Cosa fare in caso di smarrimento del PIN personale fornito al momento della registrazione? In questi casi è possibile accedere di nuovo all’area web riservata Inps dipendenti pubblici seguendo una di queste due procedure.

  • Ripristino del PIN: il ripristino del PIN personale Inps prevede l’inserimento di almeno due tra le informazioni di contatto inserite al momento della registrazione (e-mail, numero di cellulare, indirizzo di posta elettronica certificata).
  • Revoca del PIN: in mancanza di queste informazioni è necessario procedere alla richiesta di revoca del PIN, che può essere formalizzata sia online, sia tramite richiesta allo sportello di una sede Inps. In questo modo si richiede la generazione di un PIN ex novo.

Importante è specificare che il PIN personale fornito al momento della registrazione al sito Inps non consente di richiedere prestazioni di natura economica, come per esempio gli assegni di sostegno al reddito.

Cosa serve in questi casi? Il PIN dispositivo. Come ottenerlo? Semplicemente scegliendo l’apposita procedura di conversione accessibile dal sito ufficiale Inps e completabile in pochi minuti.