Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inpdap prestito a tassi agevolati 2017: le condizioni contrattuali

Prestiti Inpdap Inps: le caratteristiche dell’offerta

Dipendenti e pensionati pubblici possono ricorrere ai finanziamenti agevolati dell’offerta Inps Inpdap prestito. Si tratta di finanziamenti che consentono di accedere a somme anche importanti a tassi di interesse agevolati. Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche dell’offerta Inpdap prestito.

I presiti Inpdap si dividono in piccoli prestiti e presiti pluriennali. I primi rientrano nella categoria dei prestiti personali e consentono di accedere a somme fino a 8 volte la pensione o lo stipendio medio netto mensile percepito dal richiedente.

I prestiti pluriennali invece sono prestiti finalizzati concessi solo a fronte di documentate necessità personali o familiari rientranti nelle casistiche contemplate dal Regolamento Prestiti Inps. L’importo finanziabile varia a seconda della finalità del prestito, l’importo massimo previsto è 150 mila euro. Somma che viene corrisposta però solo per particolari ragioni, come l’acquisto o la ristrutturazione della casa.

Prestiti Inpdap pluriennali e piccoli prestiti: condizioni e requisiti

Possono accedere ai prestiti Inpdap esclusivamente i dipendenti e i pensionati della pubblica amministrazione che sono iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Si tratta di un apposito fondo credito Inps attraverso il quale vengono erogati i finanziamenti agevolati ex Inpdap.

Per i piccoli prestiti è sufficiente l’iscrizione al fondo, mentre per i prestiti pluriennali è necessario essere in possesso anche di almeno quattro anni di servizio utile alla pensione e quattro anni di versamento presso la suddetta alla Gestione.

Per quanto riguarda le condizioni contrattuali, i piccoli prestiti possono avere una durata di 1, 2, 3 o 4 anni e per ogni anno è possibile ottenere una somma pari a due mensilità medie nette percepite. Nel caso in cui il richiedente abbia in corso altre trattenute sullo stipendio o sulla pensione, la somma finanziabile si riduce a una mensilità per ogni anno di durata. Il tasso di interesse è del 4,25%.

Per i prestiti pluriennali invece importo e durata sono definiti a seconda della ragione per cui si richiede il finanziamento, come stabilito dal Regolamento Inps. In ogni caso, per i prestiti pluriennali sono previste solo due pezzature: 5 anni o 10 anni. Il tasso è del 3,5%.

Come richiedere i prestiti Inpdap

Ma come richiedere i finanziamenti agevolati ex Inpdap? La domanda Inpdap prestito può essere inviata esclusivamente per via telematizzata. I dipendenti pubblici in attività di servizio devono rivolgersi all’Amministrazione presso cui sono assunti, mentre i pensionati ex Inpdap possono ricorrere a diversi canali.

Nello specifico i pensionati pubblici possono scegliere tra inviare la domanda direttamente online, tramite l’apposita procedura presente sul sito Inps, oppure rivolgersi a un patronato o al Contact Center dell’Inps. I moduli di domanda sono disponibili nella sezione Modulistica del sito Inps.