Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inpdap prestiti pensionati statali: quali sono le offerte migliori?

Inpdap prestiti pensionati statali: quali sono le offerte migliori? Ogni pensionati statale che risulti iscritto all’Inpdap ha l’opportunità di conseguire numerose forme di finanziamento che assicurano condizioni agevolate e tassi inferiori alla media di mercato.

Sono delle linee di credito fornite in modo diretto dall’Inpdap, grazie al fondo Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali, oppure dagli istituti di credito oppure finanziarie che stabilito delle convenzioni.

Inpdap prestiti pensionati statali: le diverse offerte. Passiamo in rassegna le quattro tipologie di finanziamento:

– con il piccolo prestito Inpdap è possibile far fronte a bisogni urgenti corrispondenti a contenute somme di denaro. Si tratta di un prestito a tasso fisso con una durata compresa tra 12 e 48 mesi. L’importo erogato invece varia da un minimo di 1 a un massimo di 8 mensilità medie nette dello stipendio del richiedente. È applicato un tasso del 4,25%, a cui dobbiamo aggiungere lo 0,50% di spese amministrative e premio di compensazione rischio.

– se scegliete il prestito pluriennale diretto, invece, avrete modo di approfittare di un prestito personale destinato alla soddisfazione di spese personali e familiari. Il regolamento Inpdap dispone tutte le finalità di spesa ritenute legittime, che devono essere in ogni caso documentate. La durata va da un minimo di 5 fino a 10 anni. il tasso fisso applicato è del 3,50% (va aggiunto comunque lo 0,50% per le spese amministrative e il premio di compensazione del rischio).

– sfruttando il prestito pluriennale garantito godrete di un finanziamento basato sulla cessione del quinto. Non viene erogato in modo diretto dall’ente ma da istituti di credito o finanziarie convenzionate. La durate è quinquennale oppure decennale. L’importo è variabile a seconda dell’entità dello stipendio netto. Il tasso è sancito dalle differenti finanziarie, è comunque al di sotto della media di mercato.