Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inpdap pensionati: ecco il funzionamento del taglio pensioni

Inpdap pensionati: ecco il funzionamento del taglio pensioni: cattive novità per i pensionati della previdenza pubblica. I pensionati ex Inpdap, nei mesi di gennaio e febbraio, andranno incontro a una trattenuta sulle pensioni a causa dell’abbinamento delle prestazioni pensionistiche con altre somme corrisposte.

Inpdap pensionati, le ultime disposizioni. La notizia ha fatto la sua comparsa nel messaggio 574 del 13 gennaio 2014. Per quanto riguarda l’anno fiscale 2013 la direzione centrali bilanci e servizi fiscali ha disposto la comunicazione alla gestione pubblica gli importi dei preconguagli fiscali a debito del pensionato, frutto dell’abbinamento dei trattamenti pensionistici con altre somme corrisposte dall’istituto.

Abbiamo difronte a noi una situazione analoga a quella dello scorso anno, da cui sono derivati numerosi disagi. Circa 6mila persone si erano ritrovate a marzo con un assegno di soli 2-3 euro. Solo in un secondo tempo è stato introdotto un processo di limitazione dell’importo mensile, diluendo il recupero.

Per quanto riguarda l’anno in corso, l’Istituto ha sottolineato che i conguagli sono stati definiti valutando le somme corrisposte dalla gestione pubblica durante il periodo che va dal mese di gennaio a quello di agosto 2013. Le trattenute effettive sugli assegni pensionistici verranno stabilite suddividendo l’importo del debito fiscale in due rate e per poi trattenerle sulle pensioni di gennaio e febbraio 2014.

In modo specifico sono state seguite queste norme: per quanto attiene i pensionati con trattamento pensionistico mensile maggiore di 626,73 euro, verrà garantito il pagamento di un importo netto di 501,38 euro, corrispondente al trattamento minimo Inps per l’anno 2014.