Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inpdap pensionati autoregistrazione

Inpdap pensionati autoregistrazione: le procedure da seguire

Inseguito alla soppressione dell’Inps e la sua integrazione all’interno dell’Inps, le procedure di autoregistrazione utili per compiere l’accesso all’Area Riservata sono mutate. Si tratta di un procedimento importante perché consente al cittadino di fruire dei servizi online Inpdap/Inps.

Inpdap pensionati autoregistrazione, servizi Inps on line: accesso all’Area Riservata

Un requisito indispensabile è acquisire il PIN Inps, che permette al lavoratore e al pensionato di sfruttare a pieno le potenzialità dell’Area Riservata Inps. Il PIN non è altro che un codice di identificazione personale che permette una identificazione univoca del contribuente. Nell’insieme dei servizi online figurano anche quelli relativi alla Gestione ex Inpdap.

Il solo PIN ritenuto valido per l’accesso è quello fornito dall’Inps, ciò significa che quanti hanno a loro disposizione un codice PIN Inpdap non possono più impiegarlo, ma devono convertirlo in un codice Inps. quanti invece hanno già un PIN Inps, adesso possono utilizzarlo anche per godere dell’accesso ai servizi telematici della Gestione ex Inpdap.

Ma qual è la procedura da seguire per richiedere il Pin Inps?

Se il contribuente non può impiegare né un PIN ex Inpdap né un codice PIN Inps, ha come sola alternativa l’avvio del procedimento di una nuova richiesta. Questa si realizza seguendo le disposizioni che fanno parte della sezione “Richiesta PIN on line”, che potete reperire sul portale Inps. Si tratta di un servizio fruibile anche all’estero. Non si può tuttavia impiegare la procedura di autoregistrazione dal portale ufficiale Inpdap.

Stiamo parlando di un procedimento che deve essere seguito anche da parte di chi non ha mai portato a termine la procedura di autoregistrazione Inpdap, selezionando una specifica password.

I contribuenti che già dispongono di un PIN e una password, devono preoccuparsi di una conversione in un PIN Inps. Per realizzare questo obiettivo l’utente deve accedere all’Area Riservata e inserire all’interno del campo “PIN” la password definita al momento della registrazione dei servizi online.

Il servizio impone a questo punto all’utente di cambiare la password, permettendo di ottenere i 16 caratteri che compongono il PIN Inps. Questo, insieme al codice fiscale, assicura l’accesso all’Area Riservata per i servizi online Gestione ex Inpdap.

Se eravate in possesso di una password Inpdap ma l’avete perduta, potrete recuperarla sfruttando le procedure di “Revoca PIN” e “Richiesta PIN on line, presenti sul portale istituzionale Inps.