Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inpdap mutui ipotecari 2016: i nuovi tassi

Inpdap mutui ipotecari tasso fisso: come funzionano

Dal Primo luglio 2015 diverse sono state le modifiche apportate ai tassi di interesse Inpdap mutui ipotecari 2016 che risultano essere tra le categorie più vantaggiose per chi ha necessità di ottenere un mutuo per acquisto prima casa.

Dallo scorso luglio infatti notevoli sono le riduzioni dei tassi di interesse applicati ai mutui ipotecari Inpdap, tasso fisso che è passato dal 3,75% fino al 2,95% sicuramente un cambiamento che è stato piacevolmente accolto da molti dei mutuatari.

A poter usufruire del vantaggioso tasso di interesse sono tutti i dipendenti della pubblica amministrazione che hanno contratto un mutuo a tasso fisso, tasso Tan pari al 2,95% che sarà applicato automaticamente a tutti i finanziamenti in corso e a quelli futuri, salvo parere contrario del mutuatario.

Inpdap mutui ipotecari 2016 che possono essere richiesti da tutti i dipendenti pubblici in attività di servizio e con contratto a tempo indeterminato o pensionati Inps che hanno maturato almeno un anno di iscrizione nella gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie.

Inpdap mutui ipotecari prima casa

Inpdap mutui ipotecari 2016 sono dei finanziamenti particolarmente vantaggiosi che consentono di acquistare un immobile non di lusso da adibire a prima casa dell’iscritto e dei componenti del nucleo familiare.

I mutui ipotecari Inpdap possono essere erogati direttamente dall’ente di previdenza Sociale o dalle banche convenzionate con l’ente, è possibile visionare l’elenco completo e aggiornato direttamente sul portale www.inps.it

Inpdap mutui ipotecari regolamento

Diversi sono gli importi che potranno essere concessi dall’ente di previdenza o dalle banche convenzionate con l’ente. Importi che variano in base alla tipologia di intervento che si intende effettuare, si potrà ricevere una cifra di massimo 300 mila euro per acquisto di un bene immobile.

Ma anche ricevere una cifra pari al 40% del valore dell’immobile fino a un massimo di 150 mila euro per tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria del bene immobile.

Sia i pensionati che i dipendenti pubblici che presenteranno richiesta di mutuo Inpdap potranno ottenere una cifra pari a massimo 75 mila euro per la costruzione di un box auto che non potrà distare più di 500 metri dalla propria abitazione.

Secondo disposizioni del regolamento Inpdap tutti i mutui ipotecari potranno essere concessi a pensionati Inps e dipendenti pubblici in possesso dei requisiti sopra citati ma solo se non risultano possessori di ulteriori beni immobili, salvo particolari eccezioni come quote di proprietà.

Coloro i quali vogliono accendere un mutuo ipotecario Inpdap potranno presentare la documentazione utile direttamente per via telematica sul portale www.inps.it nei periodi che vanno dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre.