Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Inpdap borse di studio: come ottenerle? Guida

Inpdap borse di studio 2015: cosa sono?

Ogni anno la gestione ex Inpdap dell’Inps mette al bando delle borse di studio rivolte ai figli dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni. L’iniziativa, volta a sostenere gli studenti nel percorso di istruzione, formazione ed educazione, prevede l’erogazione di somme da utilizzare come rimborso parziale delle spese sostenute durante l’anno scolastico, o accademico, appena trascorso.

Inpdap borse di studio: quali i requisiti necessari?

Possono prendere parte al concorso i figli e gli orfani di dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione dipendenti pubblici o alla Gestione magistrale. Hanno accesso al bando i ragazzi che hanno studiato presso:

  • istituti scolastici, o università, statali o legalmente riconosciuti
  • scuole dell’Unione europea
  • scuole italiane all’estero
  • istituti stranieri i cui corsi siano legalmente equivalenti a quelli italiani.

Inpdap borse di studio bando di concorso

L’assegnazione delle borse di studio avviene tramite due bandi di concorso, generalmente pubblicati nel periodo compreso tra l’ultimo trimestre dell’anno cui si riferiscono e il primo trimestre dell’anno successivo. Tali bandi sono consultabili accedendo alla sezione “Iniziative Welfare” del portale online dell’Inps.

È possibile ottenere le borse di studio sia per i percorsi formativi che hanno avuto luogo presso scuole secondarie di primo e secondo grado, che per quelli di livello post secondario, universitario, post universitario e professionale.

Presentazione delle domande Inpdap borse di studio

Come accedere ai bandi di concorso? Le domande di partecipazione possono essere presentate esclusivamente per via telematica. L’inoltro deve avvenire da parte dal genitore iscritto alla Gestione dipendenti pubblici dell’Inps, in qualità di richiedente. In caso l’iscritto sia defunto, la domanda dovrà essere presentata dal genitore superstite o dal tutore dello studente.

La domanda può essere presentata dal concorrente stesso, solo nel caso in cui alla data di presentazione questi abbia già compiuto il 18esimo anno di età. Per la trasmissione della domanda è necessario seguire il percorso: Servizi online > Servizi per il cittadino > Servizi ex Inpdap > Per tipologia di servizio o per ordine alfabetico > Borse di studio /Iniziative accademiche > Domanda.

L’accesso deve essere effettuato utilizzando il proprio codice Pin identificativo. Chi non fosse in possesso del Pin può richiederlo direttamente online, seguendo la procedura predisposta sul sito dell’Inps, oppure rivolgersi al Contact Center dell’istituto. È possibile fare richiesta del Pin anche tramite i patronati convenzionati con l’Inps.

Inpdap borse di studio: come vengono assegnate le borse?

È bene ricordare che i vincitori vengono definiti in base alle valutazioni scolastiche, conseguite durante l’anno scolastico cui fa riferimento il bando, e al reddito Isee del nucleo familiare di appartenenza. All’aumentare del rendimento scolastico e al diminuire del reddito familiare, corrisponderà quindi una posizione migliore nella graduatoria d’accesso al beneficio.

Per quanto riguarda le borse relative al primo e al secondo ciclo di istruzione, orfani e figli disabili hanno accesso ad un trattamento a parte.

Inpdap borse di studio: quali i soggetti esclusi dal bando?

Sono esclusi dai bandi di concorso per le borse di studio i figli dei dipendenti pubblici che hanno già ricevuto un beneficio (erogato dall’Inps, dallo Stato o da altre istituzioni pubbliche o private) per l’anno scolastico, o accademico, cui si riferisce il bando, con un valore superiore alla metà dell’importo della borsa di studio.

Altri benefici offerti

Ricordiamo infine che la Gestione Inps ex Inpdap indice ogni anno anche i bandi di concorsi per l’accesso ai convitti Inps e al programma “Nonno House”, che permette agli studenti universitari fuori sede di essere ospitati gratuitamente in appartamenti messi a disposizione da pensionati Inps.

Tra i benefici messi al bando dall’Istituto troviamo inoltre la possibilità di partecipare a master di primo e secondo livello, nonché la possibilità di partecipare a vacanze studio, in Italia o all’estero (disponibile per i ragazzo fino a 18 anni).

Gli studenti che frequentano il secondo, il terzo o il quarto anno di scuola superiore possono inoltre accedere all’High School Program, un programma di studio all’estero che permette ai partecipanti di svolgere l’intero anno scolastico, o una parte di questo, presso una scuola di un Paese estero.