Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Finanziamento tasso zero come funziona: è davvero a costo zero?

Finanziamento tasso zero: di cosa si tratta

Sai davvero cos’è il finanziamento tasso zero? Sei sicuro che si tratta di un prestito che non prevede alcun costo? La ricerca del prodotto più conveniente passa dalla valutazione di diversi fattori, e non è facile individuare la linea di credito che meglio si adatta alle proprie necessità. Scopriamo perché scegliere il finanziamento tasso zero e se è davvero così allettante come può sembrare a prima vista.

La parola d’ordine per l’individuazione del miglior prodotto è “attenzione”, sì perché quello che a uno sguardo superficiale può apparire come un finanziamento vantaggioso in realtà rivela non poche insidie.

Per comprendere cosa significa finanziamento tasso zero l’utente deve conoscere le logiche dei prestiti. Innanzitutto esiste la somma richiesta, ovvero l’importo accordato al beneficiario.

A ciò va associato il Tan, ossia il Tasso Annuo Nominale. Questo costituisce il tasso di interesse che verrà corrisposto in relazione alla somma fornita. È l’entità annua che va versata al soggetto erogatore ma che di fatto, grazie a un piano di ammortamento con rate mensili, è distribuita sulle singole rate. Il risultato? Che il tasso annuo nominale sarà minore del tasso di interesse effettivo.

Va quindi preso in esame il Taeg (Tasso Annuale Effettivo Globale). Questo non è un tasso di interesse reale, ma virtuale. È utile al cliente per prendere visione del costo globale determinato dalla linea di credito. Sono infatti acquisite tutte le spese associate al finanziamento.

Come funziona allora un finanziamento tasso zero? Risulta chiaro a questo punto che il tasso zero è da associare al Tan. Al prestito non è applicata commissione: un prestito da 10mila euro da restituire in 10 mesi a Tan zero, prevedrà 10 rate da mille euro.

Finanziamento tasso zero Taeg

C’è un “ma”: anche se il Tan è zero, il Taeg quasi sempre non lo è. Cosa comporta per il cliente? Nella maggior parte dei casi il pagamento di costi relativi all’attivazione del prestito, quali i costi di istruttoria. Il cliente deve quindi valutare il Taeg e non lasciarsi incantare dalla formula “tasso zero”.

Di solito il tasso zero si trova nei prodotti che possono rientrare negli acquisti del credito al consumo. Espressione degli accordi raggiunti tra rivenditori che appartengono alla grande distribuzione e finanziarie.

Finanziamento tasso zero auto

In alcune circostanze, ma piuttosto infrequenti, si possono spuntare finanziamenti a tasso zero anche per l’acquisto di beni più importanti in termini economici, come l’acquisto di veicoli nuovi. Anche in questo caso sono gli accordi tra finanziarie e case produttrici a decidere le condizioni contrattuali. Il Taeg zero si ha solo se il rivenditore sostiene i costi associati al finanziamento o se questi costi sono già stati introdotti nel prezzo di acquisto.