Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Finanziamenti per pensionati pubblici: guida ai prodotti

I finanziamenti per pensionati pubblici corrispondono a una categoria di soluzioni d’accesso al credito piuttosto articolata, in grado di rispondere alle necessità più diverse: dall’acquisto della prima casa alla soddisfazione di esigenze familiari. Ma quali sono i prestiti più competitivi e quali le modalità di richiesta? Passiamo in esame tutti i prodotti da non perdere.

Prestiti Inpdap pensionati: Piccolo prestito Gestione Pubblica

I finanziamenti per pensionati pubblici più concorrenziali sono presentati dall’Inps o da banche e finanziarie convenzionate. Il Piccolo prestito Gestione Pubblica è un prodotto destinato a dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Il richiedente non deve indicare alcuna motivazione e non è chiamato neppure a fornire documentazioni di spesa. Gli importi variano da una a otto volte l’assegno mensile, a fronte di una durata di rimborso pari a 12, 24, 36 o 48 rate mensili.

Tassi prestiti Inpdap: tasso 4,25%

Il tasso praticato corrisponde al 4,25%. Sono da tenere presenti inoltre oneri amministrativi, che incidono per lo 0,50%, e premio fondo rischi. I pensionati interessati a questo prodotto devono inoltrare la richiesta in forma telematizzata, impiegando i servizi del sito Inps (inps.it), il Contact center (il numero verde è 803 164, gratuito da rete fissa) o il patronato.

Prestiti per pensionati pubblici: Prestiti pluriennali Inpdap

Un altro valido prodotto nel campo dei finanziamenti per pensionati pubblici è costituito dal Prestito pluriennale diretto Gestione Pubblica. È un prodotto su cessione del quinto (la rata non può superare 1/5 di stipendio o pensione) e la richiesta deve risultare coerente con quanto riportato dal regolamento Inps, che indica le diverse finalità ammesse.

La domanda può essere inviata da parte di dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, che possono ricevere credito con piano di rimborso strutturato in cinque o dieci anni.

Il tasso previsto corrisponde al 3,50%, più conveniente quindi rispetto al Piccolo prestito, ma anche in questo caso vi sono da considerare spese amministrative e premio fondo rischi.

La richiesta va inoltrata in forma telematizzata, impiegando il servizio “Domande web Prestiti Pluriennali” del portale Inps (inps.it). Il pensionato deve accedere all’Area riservata del sito, indispensabile disporre del PIN rilasciato dall’ente previdenziale.

Finanziamenti per pensionati pubblici 2017: Pluriennali garantiti e mutui Inps

Un’alternativa ai Pluriennali diretti è costituita dai Pluriennali garantiti, che sono accordati da banche e finanziarie convenzionate con l’Inps. Vi segnaliamo infine i mutui Inps, prodotti rivolti anche ai pensionati iscritti alla Gestione unitaria.  I mutui permettono di ricevere fino a 300mila euro per l’acquisto dell’abitazione principale. Per maggiori informazioni visita il sito mutuoinpdap.org.