Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Dipendenti pubblici malattia: tutte le informazioni

Quando si parla di dipendenti pubblici malattia si inquadra una situazione regolata prima di tutto dal Decreto Legislativo 165 del 30 marzo 2001. L’articolo 55 in particolare – e il comma 5 nello specifico – chiarisce come muoversi per quanto riguarda le fasce di reperibilità in caso di visita fiscale.

Malattia orario visita fiscale: come sono cambiate le cose nel 2008

La situazione riguardante dipendenti pubblici malattia è stata interessata da importanti modifiche nel 2008, anno in cui è stato varato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che, in data 13 giugno, ha fornito nuove indicazioni relative alle circostanze in cui può essere giustificata la mancata reperibilità del dipendente in caso di visita fiscale.

Decurtazione stipendio: ecco come funziona

Le regole relative a dipendenti pubblici malattia prevedono la decurtazione dello stipendio, che dipende dalla durata stessa del periodo richiesto per malattia. Ecco come funziona il tutto:

  • Primi 9 mesi di malattia: ricezione di tutto lo stipendio, comprensivo delle indennità pensionabili.
  • Dal 10° al 12° mese di malattia: ricezione del 90% dello stipendio.
  • Dal 13° al 18° mese di malattia: ricezione del 50% dello stipendio mensile.

Il computo dei giorni di assenza non considera i casi di patologie gravi che richiedono trattamenti salva vita (p.e. chemio e dialisi).

Il decreto del Presidente del Consiglio del 13 giugno 2008 ha stabilito che il dipendente pubblico subisca una decurtazione dello stipendio nei primi 10 giorni di malattia, ad eccezione dei casi in cui l’assenza è dovuta a un infortunio sul lavoro, a un ricovero ospedialiero o a una patologia grave.

Dipendenti pubblici malattia: gli obblighi dei lavoratori

Le regole dipendenti pubblici malattia prevedono degli specifici obblighi a carico dei lavoratori. Cosa deve fare il dipendente pubblico in caso di malattia? Avvisare il responsabile della realtà presso cui lavora entro le 8.30 del mattino, al fine di non recare disagio a chi usufruisce del servizio.

Il lavoratore è chiaramente tenuto a comunicare il numero di giorni di malattia che intende richiedere.

Dipendenti malattia orari visita fiscale: ecco cosa sapere

L’ultimo punto da chiarire in merito a dipendenti pubblici malattia riguarda le visite fiscali. Quali sono gli orari di reperibilità? Dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00, giorni festivi e non lavorativi compresi.

Sono esclusi dall’obbligo di reperibilità per le visite fiscali i dipendenti pubblici la cui assenza dal lavoro sia legata a una patologia grave, alla necessità di effettuare un trattamento medico salva vita, a una malattia professionale INAIL, a un infortunio sul lavoro.

La reperibilità non è obbligatoria anche in caso di visita fiscale già effettuata nel corso del periodo di prognosi indicato sul certificato compilato dal proprio medico curante.

Ricordiamo che il certificato medico è obbligatorio in caso di assenza per malattia superiore ai 10 giorni e di seconda assenza per malattia nel corso del medesimo anno solare.