Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Detrazioni fiscali 2016 per acquisto prima casa: i nuovi sconti

Nuove detrazioni casa: cosa cambia con la legge di Stabilità

Cosa sono e come funziona le detrazioni fiscali 2016 per prima casa? Con la nuova legge di Stabilità la lista delle agevolazioni Irpef legate alle compravendite di immobili ad uso abitativo si è arricchita di due nuove voci: leasing abitativo e acquisto scontato presso i costruttori di case energeticamente efficienti. Ma vediamo come funzionano e quando si applicano le nuove detrazioni fiscali 2016?

La prima è una particolare detrazione riservata a quanti nel 2016 acquistano o costruiscono la prima casa ricorrendo al leasing. Il contratto è disciplinato dalla stessa legge di Stabilità (L. n. 208/2015) e prevede che, a fronte di un canone periodico, la banca o l’intermediario finanziario si obblighi ad acquistare o a far costruire l’immobile scelto dall’utilizzatore.

Da parte sua il cliente si assume tutti i rischi legati all’immobile, incluso quello di perimento. Alla scadenza del contratto di leasing il cliente potrà rilevare la proprietà della casa ad un prezzo prestabilito. Ma a quanto ammontano le riduzioni applicate?

Novità prima casa: 19% su canoni e spese accessorie

Per le operazioni che interessano immobili da adibire a residenza principale e realizzate dal 2016 al 2020 è prevista una detrazione pari al 19% delle spese sostenute per canoni e oneri accessori e dell’eventuale costo di acquisto pagato “a fronte dell’esercizio dell’opzione finale”.

Tuttavia è necessario precisare che si può godere dello sconto solo se la casa viene adibita a residenza principale del cliente entro un anno dalla consegna. Allo stesso modo i limiti di spesa su cui si applica la detrazione variano a seconda dell’età del richiedente.

Se all’atto di stipula del contratto di leasing il cliente ha meno di 35 anni, non risulta proprietario di nessun’altra abitazione, e ha un reddito complessivo non superiore a 55 mila euro la detrazione del 19% si calcola su:

  • un massimo di 8 mila euro annui per canoni e oneri accessori
  • un importo di riscatto massimo pari a 20 mila euro per l’acquisto della casa.

Se il richiedente ha già compiuto il 35esimo anno di età, gli importi su cui calcolare il bonus sono dimezzati (massimo 4 mila euro per canoni e costi e 10 mila per l’acquisto della casa).

Detrazioni 2016 prima casa: Iva ridotta del 50% per acquisto da impresa costruttrice

Detrazioni fiscali 2016 prima casa: leasing e mutuo. Il leasing abitativo si affianca quindi al mutuo ipotecario per l’acquisto della prima casa, che conserva comunque le proprie agevolazioni. Sottoscrivendo il mutuo infatti possibile detrarre il 19% di interessi passivi, oneri accessori e quote di rivalutazione pagati al momento della stipula.

L’altra detrazione Irpef introdotta nel 2016 riguarda l’Iva dovuta sul corrispettivo di acquisto delle abitazioni di classe energetica A o B. Per gli immobili che corrispondono a questa descrizione ceduti dalle imprese che li hanno costruiti, entro il 31 dicembre 2016, è prevista una detrazione pari al 50% dell’Iva.

Il bonus è suddiviso in più quote di uguale importo, spalmate nel corso dell’anno in cui si sostiene la spesa e nei 9 periodi di imposta successivi.