Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Crif prestiti, segnali di ripresa: +6,3% ad agosto

Crif prestiti: in aumento finanziamenti per beni e servizi

Segnali di ripresa dal mercato prestiti, è quanto emerge dall’ultimo studio Crif. Il mese di agosto registra un +6,3% rispetto allo scorso anno, merito, come sottolinea il Barometro Crif, dello scenario economico internazionale.

Il trend positivo avvantaggia soprattutto i prestiti destinati all’acquisto di nuovi veicoli, seguono i prodotti per i viaggi ed elettrodomestici. In aumento anche i finanziamenti rivolti alle spese mediche.

Nel complesso le linee di credito finalizzate all’acquisto di beni e servizi hanno condotto a un incremento del 19,5%, bilanciato dal -7,8% relativo ai prestiti personali.

Considerando i primi otto mesi del 2015, le richieste di finanziamenti da parte delle famiglie si caratterizzano per un aumento del 7,8% nel confronto con il medesimo periodo del 2014. Un dato incoraggiante, ma ancora lontano dai volumi pre-crisi.

Crif finanziamenti: il 50% sotto ai 5mila euro

Le somme erogate sono piuttosto basse, un finanziamento su due ha un importo inferiore a 5mila euro. Elemento coerente con l’espansione delle nicchie di mercato correlate all’acquisto di elettrodomestici e veicoli usati. I prestiti finalizzati al di sotto dei 5mila euro, infatti, costituiscono circa il 70% del totale.

Il finanziamento medio nel mese di agosto ammonta a 7.368 euro, +5% rispetto al 2014. Cifre incapaci di ristabilire le dinamiche di mercato precedenti all’avvento della crisi. Un contesto macroeconomico che induce le famiglie a un approccio prudente ai consumi e quindi al credito. Il rischio è stipulare un finanziamento non sostenibile in rapporto alle capacità reddituali.