Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cresce la tassazione rendite finanziarie, ecco le novità

Cresce la tassazione rendite finanziarie, ecco le novità. Tra poco, ovvero dal 1° luglio 2014, scatterà l’aumento sulle rendite finanziarie dal 20% al 26%, che sarà impiegato per la copertura delle detrazioni Irap per le imprese. Questo passaggio riguarda i conti correnti e conti deposito, ma anche il denaro inerente alle giacenze sui conti posti, fatta eccezione dei titoli di stato (per questi l’aliquota resterà al 12,50%).

In base a un recente studio de IlSole24Ore, l’incremento degli interessi per conti correnti e conti deposito potrebbe superare i 775 milioni durante il 2015, mentre nell’anno successivo dovrebbero raggiungere gli 1,1 miliardi.

Effetti tassazione rendite finanziarie. Prendendo in esame gli incassi delle rendite finanziarie, cedole delle obbligazioni e redditi di capitale, per il 2014 è previsto un effetto corrispondente a 720 milioni di euro che andranno a crescere in modo sensibile nel corso degli anni a venire. Sono previsti 2,3 miliardi nel 2015, 2,9 miliardi nel 2016 e 2,6 miliardi dal 2017.

In merito alle azioni, la nuova aliquota applicata corrisponde al 26% che andrà a incidere su dividendi e utili. Dal punto di vista di Bot e Btp, proprio come per la previdenza complementare, la tassazione resterà la stessa, corrispondente al 12,50%.

Per compiere l’investimento più conveniente considerate il maggior numero di alternative possibili, e soprattutto gli effettivi tassi di interesse netti presentati. Potrete trovare maggiori informazioni sulle altre sezioni che compongono il nostro portale.