Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Convenienza mutuo tasso misto: ecco come valutarla

Il mutuo a tasso misto è una tipologia di piano di ammortamento che consente di modificare il tasso d’interesse nel corso del piano di ammortamento, passando da tasso fisso a tasso variabile (o viceversa). Prima di fare qualsiasi scelta è fondamentale valutare la convenienza mutuo tasso misto.

Mutuo a tasso misto: di cosa si tratta

Per avere le idee chiare sulla convenienza mutuo tasso misto è bene documentarsi sulle caratteristiche di questa tipologia di piano. Il mutuo a tasso misto, come già ricordato, permette di modificare la tipologia di tasso nel corso del piano di ammortamento tenendo conto di precise scadenze temporali, che generalmente si collocano a intervalli di tempo di 2, 5 o 10 anni.

Mutuo a tasso misto interessi: ecco cosa sapere

Quando si parla di convenienza mutuo tasso misto è utile approfondire anche la questione del tasso d’interesse. Il cambio della tipologia di tasso non avviene sulla base della volontà momentanea del mutuatario, ma seguendo regole previste fin da subito nel contratto di sottoscrizione del mutuo.

Come inizia il mutuo con tasso d’interesse misto? Con la stipula di un contratto che inizia con l’applicazione di un tasso fisso, quindi caratterizzato da una quota interessi più alta rispetto a quella del tasso variabile (si parla di più di due punti percentuali di differenza).

Questo aiuta a capire che, a causa del tasso più consistente, tale tipologia di piano di ammortamento inizia con un impegno iniziale maggiore a carico del mutuatario (il contro in questione è bilanciato dalla certezza di una rata costante).

Convenienza tasso misto: informazioni essenziali

La convenienza mutuo tasso misto deve essere valutata con attenzione, onde evitare di trovarsi nella situazione in cui la richiesta di passaggio da mutuo a tasso fisso e mutuo a tasso variabile viene rifiutata.

Il rischio in questi casi è quello di trovarsi con una rata finanziariamente insostenibile, senza la possibilità di avvalersi dei vantaggi di eventuali condizioni favorevoli del mercato.

I pro e i contro del mutuo tasso misto

La principale convenienza mutuo tasso misto è legata alle caratteristiche stesse del piano di ammortamento e quindi alla possibilità di passare da un tasso d’interesse all’altro sulla base delle condizioni del mercato.

In sede di sottoscrizione del mutuo dovrà però essere cura del titolare del contratto verificare quante volte è possibile effettuare il cambio in questione. Un altro fattore che non deve essere trascurato è quello dei costi, che risultano superiori alle altre tipologie di mutuo.

Il motivo è facile da capire ed è legato agli oneri a carico della banca in caso di cambio dell’importo della rata mensile (chiaramente è da tenere conto anche la diminuzione della quota interessi, che si verifica soprattutto con il passaggio da mutuo a tasso fisso a mutuo a tasso variabile).

A livello generale è possibile parlare del mutuo tasso misto come di un’opzione conveniente, a patto di valutare con cura ogni dettaglio e di pianificare l’intero processo di rimborso.