Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Continuano a crescere i tassi interesse cessione del quinto

Continuano a crescere i tassi interesse cessione del quinto. Inseguito alla lieve flessione del primo trimestre 2014, salgono i tassi usurai per la cessione del quinto di stipendio o pensione. I vincoli che dovranno essere rispettati nel periodo compreso da aprile a giugno 2014 corrispondono al 19,1% per i prestiti fino a 5mila euro, mentre tale valore tocca il 18,375% per linee di credito di importo superiore. Sono dati diramati dalla Banca d’Italia sulla scorta dei parametri forniti dal dicastero dell’Economia e delle Finanze.

Quali sono le soglie che definiscono il tasso usuraio degli interessi? La materia è regolata dall’articolo 2 della legge 108/96 e dal d.l. 70/2011. Il calcolo prevede l’incremento di un quarto dei tassi medi rilevati nel trimestre precedente a quello di applicazione. Si ha così un margine di altri 4 punti percentuali. In ogni caso la differenza tra la soglia e il tasso medio non deve superare gli otto punti percentuali.

Tassi interesse cessione del quinto, i valori effettivi. Nell’eventualità di cessione del quinto di stipendio o pensione i tassi di interesse effettivi globali medi, relative al quarto trimestre del 2013, hanno toccato il 12,08% per le linee di credito fino a 5mila euro, mentre è applicato l’11,5% per finanziamenti di importo più elevato.

Nel corso del primo trimestre 2014 i tassi di usura avevano raggiunto il 18,325% per le cessioni fino a 5.000 euro (tasso medio, 11,46%). Per importi più importanti la soglia è stata del 18,1875%.