Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Consolidamento debiti cattivi pagatori, come ottenerlo e perché sceglierlo

Il consolidamento debiti cattivi pagatori è un’ opportunità cruciale per ristabilire il proprio bilancio sfruttando così condizioni di rimborso più vantaggiose di quelle che si otterrebbero estinguendo le singole linee di credito già attivate. È possibile in prospettiva risanare il proprio profilo di debitore.

Il mercato del credito al consumo ha prodotto la proliferazione dei prestiti. Nel lungo periodo l’accumularsi delle rate può compromettere il bilancio familiare. Le rate che non vengono pagate determinano poi lo status di cattivo pagatore. Questa condizione rende senza dubbio più complesso l’accesso a nuovi finanziamenti.

Consolidamento debiti, un modo per ridefinire i propri debiti

Una risorsa utile per risolvere questo genere di situazioni è proprio il consolidamento debiti cattivi pagatori. Di cosa si tratta?

È un particolare finanziamento che riconduce ad un’unica rata le varie rate delle linee di credito stipulate. Non solo. Il beneficiario di questo finanziamento può ridefinire il valore della rata e la durata della linea di credito.

Un altro vantaggio non secondario è costituito dal fatto che il debitore deve relazionarsi con un unico soggetto erogatore del finanziamento.

In certi casi il consolidamento debiti può persino permettere l’acquisizione di ulteriore liquidità.

Consolidamento debiti cattivi pagatori, Affidabilità creditizia

Chiaramente tutto il processo d’accesso al credito si complica quando il richiedente è un cattivo pagatore. Per questo il consolidamento debiti cattivi pagatori prevede procedure più articolate.

Prima di accordare il prestito infatti l’ente erogatore va a verificare l’affidabilità creditizia del richiedente. Se questo risulta cattivo pagatore avrà maggiori difficoltà per ricevere il prestito.

Prestiti garanzie immobiliari

Appaiono quindi essenziali le garanzie che il richiedente può presentare alla banca o finanziaria di riferimento.

Una delle migliori garanzie restano i beni immobili, ma qualora i beni forniti non siano adeguati, il cattivo pagatore può sempre ricorrere a un garante. Questo a sua volta può disporre di garanzie immobiliari e/o reddituali.

Prestiti per cattivi pagatori 2017, i requisiti

Vi sono tuttavia alcune condizioni che incrementano la probabilità di vedersi accettata la domanda di prestito consolidamento debiti per cattivi pagatori:

In linea di massima vi consigliamo di rivolgervi a più di un istituto di credito, perché potrà capitarvi, dato il vostro status di cattivi pagatori, di ricevere un rifiuto da parte della banca.