Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come si calcolano gli interessi su un prestito e risparmiare

Calcolo degli interessi: da dove partire

Come si calcolano gli interessi su un prestito? È una questione centrale per chiunque è alla ricerca di una linea di credito davvero conveniente e non vuole rischiare di farsi raggirare da proposte solo all’apparenza competitive. Facciamo chiarezza partendo da aspetti basilari ai tool online.

La nozione di interesse è presente in tantissimi contesti, non solo nell’ambito del mercato prestiti. Gli interessi sono calcolati in relazione alla somma prestata, la durata del periodo di rimborso e il tasso di interesse.

La somma restituita, che include sia la quota capitale che quella interessi, è denominata “montante”. Per stabilire gli interessi è necessario moltiplicare il capitale preso in esame, il tasso di interesse considerato a livello annuale e i giorni del periodo di rimborso. Il risultato va diviso per 36500.

Simulazione prestito: la formula di calcolo

Come si calcolano gli interessi su un prestito? La simulazione. Facciamo un esempio pratico per comprendere meglio le dinamiche di calcolo degli interessi. Ipotizziamo un prestito di 20.000 euro da restituire in 12 mesi (365 giorni) al 15%. Gli interessi saranno quindi pari a

3.000 euro.

L’applicazione di questo criterio di calcolo non è sempre necessaria. Sul Web sono reperibili infatti numerosi portali di comparazione delle offerte (Facile.it, prestiti.segugio.it, 24oreprestiti.ilsole24ore.com) che eseguono il calcolo degli interessi di varie proposte in relazione ai dati inseriti in fase di input. Una volta inserite le proprie capacità di rimborso, la somma richiesta e il periodo di rimborso, è subito computata la rata mensile.

I comparatori online: ottenere un preventivo gratuito

Se volete avvalervi di questi strumenti online vi consigliamo prima di fare chiarezza sulle vostre effettive esigenze e garanzie. Da ciò dipende la selezione della categoria di prodotti finanziari più adatta.

Un cattivo pagatore che dispone però di un regolare contratto di lavoro dipendente può sfruttare un prestito su cessione del quinto. Richiedenti che non hanno avuto problemi di rimborso e hanno bisogno di una piccola somma per l’acquisto di beni o servizi, possono utilizzare invece i prodotti che compongono la categoria del credito al consumo.

Una volta individuato il prodotto che meglio si adatta alle vostre capacità di rimborso, vi consigliamo di farvi rilasciare un preventivo gratuito. Avrete così un’idea esatta della sostenibilità del prestito e della sua convenienza.

Per maggiori informazioni sui migliori prestiti personali, vi consigliamo di visitare prestitipersonali.com.