Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come risparmiare sui mutui: tutte le soluzioni più efficaci

Il mercato dei mutui sta tornando a crescere – sono comunque lontani i livelli pre crisi – e gli italiani tornano, seppur timidamente, a spendere per i beni di consumo. Ciò può portare alla necessità di cercare soluzioni per capire come risparmiare sui mutui. Gli istituti di credito si sono adeguati a queste esigenze proponendo diverse soluzioni.

Rinegoziare il mutuo: ecco perché conviene

Quando si tratta di capire come risparmiare sui mutui è fondamentale chiamare in causa la rinegoziazione. Di cosa si tratta? Di una fattispecie disponibile sul mercato italiano dal 2008, anno in cui è stata introdotta con la Legge Finanziaria per evitare eccessive emorragie di clienti dalle banche in seguito all’approvazione della surrogazione gratuita dei mutui.

Come funziona? Il nome parla da solo. Grazie a questa formula il cliente ha la possibilità di rinegoziare il pagamento del mutuo con la banca, intervenendo su aspetti come lo spread, sulla tipologia di tasso, sulla durata del piano.

Nessuna banca è obbligata a concedere la rinegoziazione ma è bene ricordare che, in generale, è raro un rifiuto. I motivi sono sostanzialmente due: se a chiedere la rinegoziazione è un cliente virtuoso la banca tende ad accettare per evitare di perderlo.

Se, invece, la richiesta arriva da un cliente con problemi economici, la banca accorda la rinegoziazione per sbloccare la situazione e per evitare di dover ricorrere all’esecuzione dell’ipoteca, che richiede non meno di 24 mesi e durante la quale non è possibile incassare le somme arretrate.

Sospensione delle rate 2017: come e quando si può richiedere

Esistono dei casi molto gravi, per esempio la perdita del lavoro o il decesso della persona economicamente più capace in famiglia, nei quali capire come risparmiare sui mutui diventa molto urgente.

In questi frangenti si può ricorrere alla sospensione delle rate stabilita dall’ABI e dalle Associazioni dei Consumatori. Come funziona? Da specificare prima di tutto è che si tratta di una sospensione che riguarda solo la quota capitale.

Sospensione rate mutuo: altre informazioni

A volte, come poco fa ricordato, non basta informarsi su come risparmiare sui mutui e bisogna adottare soluzioni più drastiche, come appunto la sospensione della quota capitale delle rate. Tale soluzione può essere richiesta fino al 31 dicembre 2017 e riguarda non solo i mutui, ma tutti i finanziamenti superiori ai 24 mesi.

La sospensione della quota capitale può essere richiesta in caso di perdita del lavoro, sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per un lasso di tempo superiore ai 30 giorni, handicap grave che porta a una situazione di mancata autosufficienza economica.

In ogni caso rimane fondamentale la prevenzione. Questo vuol dire evitare di indebitarsi eccessivamente, controllare che, in caso di richiesta del mutuo, la rata non pesi per più del 30% sullo stipendio mensile e informarsi sulle polizze assicurative rischio impiego e rischio vita.