Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come investire in Bot e Cct? Guida agli investimenti

Come investire in Bot e Cct? Guida agli investimenti. Cominciamo la nostra analisi partendo dalla definizione di Bot e Cct. I Bot, ovvero i Buoni Ordinari del Tesoro, sono titoli a breve termine strutturati con una scadenza a 3, 6 oppure 12 mesi. La collocazione si verifica, di solito, a metà del mese per i Bot a scadenza annuale e a fine mese per quelli semestrali. I Bot trimestrali, invece, sono emessi alla luce di specifiche occasioni, in base alle esigenze statali.

Cct è invece l’acronimo di Certificati di Credito del Tesoro. Questi sono emessi grazie all’asta marginale con durata corrispondente a 7 anni. Rappresentano dei titoli di stato a tasso variabile. Il loro acquisto può verificarsi all’asta oppure sul mercato secondario in un secondo tempo rispetto alla loro emissione.

Come investire in Bot e Cct? Quali sono rendimento e guadagno? I Bot conducono a un rendimento correlato al rimborso del titolo a valore nominale dopo emissione sotto la pari. Il guadagno è deciso dallo scarto di emissione. Dobbiamo comunque considerare la presenza delle seguenti commissioni: 0,05% per titoli con durata residua minore o uguale a 80 giorni, 0,10% con vita residua minore o uguale a 170 giorni, 0,20% per vita residua fra 171 e 330 giorni e 0,30% per titoli con durata residua superiore a 330 giorni.

Per i Cct il rendimento dipende dal rimborso a scadenza, che si realizza alla pari. Il profitto è il risultato della differenza tra il valore di rimborso finale e il valore di acquisizione cui si aggiungono gli interessi delle cedole. La tassazione è del 12,50%, proprio come per gran parte dei titoli di stato.