Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come funzionano i prestiti salute e bellezza?

Come funzionano i prestiti salute e bellezza? Le ragioni che possono spingere un consumatore a scegliere i prestiti personali sono numerose e fanno riferimento a un ampio ventaglio di richieste. Sono in rapida ascesa, in modo particolare, i prestiti salute e bellezza.

La richiesta di un prestito per salute e bellezza si verifica in ogni circostanza in cui un soggetto si trova a dover fronteggiare spese sanitarie impreviste oppure se si vuole ottenere un trattamento di bellezza. Fanno parte di questa categoria i prestiti richiesti per sostenere spese mediche, spese per trattamenti terminali oppure costi correlati a opere di fisioterapia oppure riabilitazione.

È comunque possibile ottenere un prestito per salute e bellezza per affrontare un intervento estetico, per la copertura del costo dell’abbonamento in palestra oppure per acquistare dell’attrezzatura per esercizio fisico.

L’ammontare del prestito può raggiungere i 40mila euro volti alla copertura delle spese inerenti alla salute o al benessere. Il prestito personale è concesso dagli intermediari autorizzati senza nessun vincolo di destinazione.

Il prestito deve essere restituito all’istituto di credito oppure alla società finanziaria erogatrice maggiorato degli interessi definiti dal contratto, utilizzando il versamento di rate mensili. L’entità delle rate è costante per l’intera durata del prestito, mentre il periodo di ammortamento è variabile, anche se solitamente è compreso tra 24 e 120 mesi.

Se il debitore presenta, durante l’estinzione del debito, delle difficoltà nei pagamenti e c’è un rischio rilevante di insolvenza, le parti possono optare per il rifinanziamento del debito.