Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cosa sono e come funzionano i prestiti cambializzati?

Prestiti cambializzati veloci: perché scegliere questa soluzione di credito?

I prestiti cambializzati rappresentano una linea di credito di solito riferita a quanti non dispongono di una busta paga o un reddito fisso. Sono caratterizzati per le modalità di restituzione della cifra fornita. Le rate mensili sono costituite da cambiali. È una specifica forma di pagamento che consente all’ente erogatore di disporre di un titolo esecutivo.

In termini concreti ciò significa che qualora si determini l’insolvenza, l’agenzia creditizia può procedere con il pignoramento dei beni di proprietà del debitore. Le somme previste sono erogate inseguito alla sottoscrizione delle cambiali, che, oltre a costituire la modalità di pagamento, sono anche la garanzia di restituzione della linea di credito.

Per questa ragione il prestito cambializzato prevede un periodo di verifica ed eventuale accettazione della domanda molto contenuto. L’intero importo può essere erogato nello spazio di appena 24 ore. Ma cerchiamo di comprendere meglio questa opportunità partendo proprio dalla definizione di cambiale.

La cambiale non è altro che uno strumento che permette, attraverso la sua emissione e sottoscrizione, la concessione di un credito futuro e liquidità immediata della somma riportata in favore del creditore. Perché sia valida la cambiale deve essere in regola con l’imposta di bolla a partire dalla sua emissione e rappresenta un titolo esecutivo che consente di inaugurare direttamente il processo di espropriazione dei beni del soggetto che ha provveduto all’emissione della cambiale scoperta.

Prestiti cambializzati requisiti: quali quelli da rispettare?

Il pagamento con cambiale è regolato dalla Legge Cambiaria, in base alla quale si definiscono due tipologie di cambiale:

  • la cambiale-tratta: si tratta di un titolo di credito all’ordine. Il traente ordina al trattatario il pagamento di un capitale a una terza figura (il prenditore);
  • il vaglia cambiario rappresenta un titolo di credito all’ordine, in questo caso però: l’emittente assicura il pagamento di un capitale a una seconda figura, il prenditore. È questa l’eventualità del prestito cambializzato.

Quali sono le garanzie previste per queste linee di credito? Qualora il richiedente non disponga di una busta paga, è indispensabile disporre di ulteriori garanzie, che vanno a sostituire il reddito dimostrabile. Le garanzie richieste più di frequente abbiamo: un immobile, che se si determina l’insolvenza è soggetto al pignoramento, e un garante.

Il garante deve essere una figura fisica in possesso di una serie di requisiti:

  • contratto a tempo determinato;
  • non disponga di altri finanziamenti in corso;
  • non deve essere mai stato protestato oppure inserito nella categoria dei cattivi pagatori.