Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come funziona il Mutuo ipotecario ex INPDAP?

Come funziona il Mutuo ipotecario ex INPDAP? L’Inps propone una linea di mutui ipotecari pensati per l’acquisto e la ristrutturazione dell’abitazione. Il periodo di rimborso è variabile va da un minimo di 10 a un massimo di 30 anni. Per quanto attiene la cifra massima conseguibile, il parametro di riferimento è 300mila euro nel caso di acquisto dell’abitazione e di 100mile euro nell’eventualità di ristrutturazione.

Insieme alla cifra fornita, e al medesimo tasso di interesse, si può ottenere una somma per le spese aggiuntive, anche se questa deve risultare inferiore a 5mila euro. Si tratta di una proposta appannaggio dei soli iscritti all’Inps in attività di servizio, che possano fare affidamento su un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Tra i beneficiari figurano anche i pensionati iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali che presentino un’anzianità di iscrizione di almeno tre anni. La concessione non è approvata nell’eventualità in cui il richiedente o i membri del nucleo familiare risultino proprietari di un’altra unità immobiliare in Italia.

Mutuo ipotecario ex INPDAP: i tassi di interesse. I riferimenti utili a definire i tassi di interesse vengono definiti da parte del Consiglio di amministrazione dell’Istituto. Gli ultimi parametri sono:

  • nel caso del tasso fisso è disposto un tasso di interesse del 3,75%;
  • nel caso del tasso variabile è previsto un tasso del 3,50% per il primo anno e, a partire dalla terza rata, un tasso variabile corrispondente all’Euribor a 6 mesi, calcolato su 360 giorni, maggiorato di 90 punti base.