Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come chiedere un mutuo per comprare casa? Guida alla richiesta

Come chiedere un mutuo prima casa: i requisiti d’accesso

Richiedere un mutuo può sembrare un’operazione lunga e complessa, che spesso spaventa chi vi si affaccia senza conoscere le nozioni basilari e che può rappresentare un ostacolo difficile da sormontare.

Per non incorrere in queste situazioni è bene informarsi sulle procedure da seguire per inoltrare richiesta di finanziamento. Basta capire l’iter della domanda per affrontare con maggiore serenità la richiesta di credito. Ma prima di passare alla richiesta vera e propria, vediamo quali sono i requisiti necessari per ottenere un mutuo prima casa.

Prima di concedere un mutuo, la banca valuta diversi elementi. Innanzitutto è fondamentale che il richiedente abbia almeno 18 anni, mentre l’età massima viene definita autonomamente da ogni istituto bancario a seconda della tipologia del prodotto.

Altro requisito indispensabile è quello della residenza. Il richiedente può essere:

  • cittadino italiano
  • cittadino dell’Unione Europea con residenza italiana
  • cittadini stranieri residenti su territorio italiano da almeno 3 anni.

Richiesta mutuo ipotecario e parere di fattibilità: ecco come procedere

Importanti anche il profilo economico e creditizio del richiedente che non deve essere segnalato nei database del SIC come cattivo pagatore o protestato. Allo stesso tempo la banca valuta anche la capacità di rimborso del cliente in relazione all’importo richiesto. Un mutuo è considerato sostenibile quando la rata non supera la terza parte del reddito complessivo del richiedente.

Come chiedere un mutuo? Una volta individuata la banca e la linea di credito che desidera sottoscrivere, l’aspirante mutuatario dovrà presentare una richiesta di finanziamento, redatta sugli appositi moduli forniti dalla banca.

Qui sarà necessario indicare diverse informazioni in merito al proprio profilo lavorativo e ai beni di proprietà, oltre ad altri criteri presi in considerazione dalla banca per la valutazione della richiesta. In base a queste informazioni l’istituto esprime un primo parere di fattibilità.

Se questo sarà positivo, la banca richiede la presentazione della documentazione necessaria per accendere il finanziamento, che dovrà attestare residenza, identità e reddito del richiedente, nonché tutta quella relativa all’immobile oggetto del finanziamento.

Come chiedere un mutuo: i documenti necessari per la stipula

Ma come si calcola la fattibilità del mutuo? Questa dipende da diversi fattori:

  • reddito netto del richiedente e del nucleo familiare di cui fa parte (fanno fede i dati riportati nella dichiarazione dei redditi)
  • il valore dell’immobile (definito con perizia estimativa) per cui si richiede il mutuo
  • le garanzie presentate dal richiedente.

Sarà quindi necessario presentare dei documenti che attestino il reddito e l’anzianità lavorativa del soggetto. In questo caso la documentazione da presentare varia a seconda della categoria cui appartiene il richiedente:

  • per i lavoratori autonomi è richiesta la presentazione dell’estratto della Camera di Commercio e una copia del modello Unico
  • i lavoratori dipendenti invece devono produrre l’ultima busta paga, il Cud e una dichiarazione, redatta dal datore di lavoro, relativa all’anzianità di servizio.

Una volta acquisita tutta la documentazione, la banca delibera il finanziamento, e comunica al richiedente la data di stipula ufficiale in presenza di un notaio. Giorno in cui il finanziamento viene accordato e a partire dal quale il richiedente è tenuto al pagamento delle rate, per l’arco di tempo stabilito e alle condizioni previste da contratto.