Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Chi fa finanziamenti a tasso zero? Guida essenziale

Chiedersi chi fa finanziamenti a tasso zero è oggi naturale. A porsi domande in merito è un’utenza molto ampia, che comprende il privato intenzionato ad acquistare un bene, così come l’imprenditore che vuole reperire liquidità per la propria realtà aziendale.

Finanziamento a tasso zero: di cosa si tratta?

Prima di capire chi fa finanziamenti a tasso zero è necessario comprendere la natura di questi prodotti. Il finanziamento a tasso zero è un prodotto che, come dice la parola stessa, si contraddistingue per la mancanza d’interessi.

Questo non deve assolutamente far pensare a tale soluzione come a un’opzione vantaggiosa a prescindere. Quando si approfondiscono le caratteristiche di un prodotto, non appena ci si accorge che è a tasso zero, è bene controllare il TAEG.

Questa voce indica tutti i costi del finanziamento e aiuta tantissimo a capire se ci si trova davanti a un’opzione effettivamente conveniente. Questo ragionamento è fondamentale in quanto le realtà che propongono finanziamenti senza interessi cercano comunque di recuperare in altri modi.

Nessuno regala nulla, soprattutto quando ci si muove nel mercato dei prodotti di credito!

Finanziamento a tasso zero per imprese: qualche esempio specifico

Come già ricordato, quando si tratta di capire chi fa finanziamenti a tasso zero è necessario considerare anche i clienti business.

Questo vuol dire prendere in esame molto spesso i prodotti messi a disposizione delle banche, come per esempio CreditPiù Tasso Zero, una proposta di Unicredit per quelle imprese che vogliono incrementare le vendite e incassare nell’immediato.

CreditPiù Tasso Zero di Unicredit: specifiche tecniche

Alla domanda chi fa finanziamenti a tasso zero si può quindi rispondere considerando l’ambito delle banche, come dimostra questo prodotto di Unicredit che consente di accedere a una cifra massima pari a 10.000€.

Il piano di rimborso, al netto degli interessi, può andare dai 3 ai 60 mesi. Fondamentale è specificare che il rimborso rateale e che per il TAEG è necessario controllare i fogli informativi scaricabili dal sito dell’istituto di credito.

Tasso zero reale: di cosa si tratta e perché stare attenti

Chi fa finanziamenti a tasso zero reale? Questi prodotti, caratterizzati anche dall’annullamento del TAEG, vengono offerti soprattutto da concessionarie automobilistiche che vogliono spingere particolari prodotti. Anche in questo caso è opportuno analizzare bene le caratteristiche del prodotto ed evitare di cantare vittoria subito pensando di aver trovato un finanziamento conveniente.

Nella maggior parte dei casi il tasso zero reale implica un anticipo iniziale consistente. Per un esempio pratico al proposito è possibile chiamare in causa l’esempio del prodotto TASSO ZERO VERO di Volkswagen, grazie al quale è possibile acquistare in questo modo vetture della gamma Golf.

Quello che bisogna specificare, però, è che per comprare con un finanziamento caratterizzato dall’annullamento del TAN e del TAEG una Golf che costa 26.600€ bisogna anticiparne 21.600. La restante parte della cifra, ossia 5.000€, può essere rimborsata senza l’applicazione di tassi d’interesse e altri oneri con rate a cifra tonda da 100 o 200€ mensili.