Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cessione del quinto dello stipendio tutti i rischi e gli svantaggi

La scelta più utilizzata dagli italiani è proprio la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, in quanto consente di ricevere il prestito in maniera più semplice e veloce, vista la garanzia del rimborso in quanto sarà proprio il datore di lavoro a versare la quota mensile prestabilita che dovrà essere pari a un quinto dello stipendio percepito, ma esistono però notevoli svantaggi e rischi dietro la richiesta di un prestito tramite cessione del quinto dello stipendio.

Nonostante la grande richiesta da parte degli italiani prima di usufruire della cessione del quinto dello stipendio è necessario comunque ponderare bene la scelta in quanto la cessione del quinto pone dei limiti e problemi che invece si possono evitare richiedendo altre tipologie di prestiti.

Per scegliere la soluzione più adatta sarebbe bene esaminare alcuni aspetti problematici di questa tipologia di finanziamento.

Innanzitutto bisognerà considerare il costo legato a questa tipologia di finanziamento, in media il costo si aggira intorno al 20%, in questo caso infatti i costi accessori sono più gravosi, prima di valutare la richiesta della cessione del quinto dello stipendio sarà necessario verificare anche il TAEG, inoltre ulteriore aspetto negativo è che nel caso in cui il prestito venga estinto anticipatamente i costi accessori saranno pagati integralmente all’istituto di credito.

Altro aspetto negativo della cessione del quinto dello stipendio è che nel caso di consolidamento della cessione del quinto, bisognerà stipulare un ulteriore contratto, in questo modo il precedente potrà essere estinto ma ciò comporta che il debitore dovrà pagare le spese accessorie comprese le spese legate all’assicurazione applicata.

Ma la pecca più grave associata a questa tipologia di prestito finanziario è che nel caso in cui il rapporto di lavoro dovesse cessare prima che il debito venga estinto la banca preleverà direttamente dal TFR l’importo da versare, nel caso in cui le somme non bastino a compensare il debito allora potranno provvedere con le consuete azioni di recupero del credito.