Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cessione del quinto Inps Intesa Sanpaolo: condizioni e vantaggi

Cessione del quinto Inps Intesa Sanpaolo: condizioni e vantaggi. Se si è in pensione e si ha bisogno urgente di una soluzione di credito, Intesa Sanpaolo permette di usufruire di Prestito Pensionati Inps. È possibile far fronte le proprie esigenze di spesa godendo di condizioni chiare e trasparenti.

Cessione del quinto Inps Intesa Sanpaolo: chi sono i destinatari? Possono beneficiarne i pensionati Inps, anche se non risultino clienti della Banca, che abbiano un trattamento pensionistico in corso privo di cessioni del quinto della pensione. In quanto all’età massima, il richiedente non può avere più di 78 anni non compiuti al momento della richiesta, e non più di 80 alla scadenza del finanziamento.

Il piano di ammortamento varia da 24 a 120 mesi e consente di ottenere un importo compreso tra 4.800 e 52.000 euro (inclusi gli oneri correlati all’operazione, ovvero interessi ed imposte). Ogni mese la rata parte da un minimo di 100 euro a un massimo di 1/5 della pensione netta.

Il tasso di interesse è fisso e dipende dall’età del richiedente e dalla durata del finanziamento. Il prestito prevede una copertura assicurativa che provvede al pagamento del credito residuo nell’ipotesi di decesso del titolare della pensione. Non si tratta tuttavia di un onere pertinente per il richiedente, sarà invece l’ente finanziatore a farsene carico.

Per inoltrare la propria richiesta è indispensabile disporre della seguente documentazione: documento d’identità, codice fiscale e Comunicazione di Quota Cedibile che sarà richiesta direttamente dalla filiale.