Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cessione Del Quinto Per Pubblica Amministrazione

Cessione Del Quinto Per Pubblica Amministrazione: Condizioni E Caratteristiche. Tutti i dipendenti delle pubbliche amministrazioni che risultino iscritti alla gestione unitaria autonoma hanno accesso a prestiti agevolati, erogati da banche ed istituti di credito convenzionati con l’INPDAP o dall’ente previdenziale stesso.

Tra i prestiti in convenzione spicca quello della cessione de quinto dello stipendio, basato su un meccanismo di rimborso che si esplicita attraverso la trattenuta sullo stipendio al netto del richiedente. La trattenuta avviene ad opera del datore di lavoro, ovvero della PA nella quale si è impiegati, e nono può superare il quinto dello stipendio. La durata massima del prestito è 10 anni e il tasso applicato è fisso.

Per accedere al prestito agevolato cessione del quinto per pubblica amministrazione è sufficiente recarsi presso qualsiasi istituto bancario e inoltrare la richiesta di finanziamento presentando un documento di identità, il codice fiscale e l’ultima busta paga

Una volta presentata la documentazione la banca si incarica di procedere direttamente all’interfaccia con l’ente Inpdap per la compilazione della domanda su appositi modelli e per tutte le operazioni necessarie alla certificazione dello stipendio.

La convenzione stipulata tra l’ente previdenziale e l’istituto bancario permette al dipendente pubblico di accedere ad un finanziamento particolarmente conveniente, con tasso d’interesse annuo nominale del 3,5%, spese di amministrazione allo 0,5% e premio fondo rischi stabilito in base alla tabella definita nel regolamento Inpdap.