Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cessione del quinto e tassi di interesse, se usurari è possibile ricevere un rimborso!

Diverse sono le vantaggiose offerte che si possono trovare on line per tutto ciò che riguarda prestiti personali o la cessione del quinto  utili soprattutto se si ha necessità di liquidità immediata.

I prestiti o la cessione del quinto sulla pensione o sullo stipendio percepito concessi dalle maggiori finanziarie sembrano essere la soluzione più conveniente, ma in realtà è necessario prestare molta attenzione per evitare di incappare in situazioni che potrebbero danneggiare il consumatore poco informato.

È facile per molti imbattersi nell’offerta più conveniente e poi scoprire di essere stato truffato a causa dei tassi di interesse applicati che potrebbero superare la soglia massima consentita, diventando così usurari, ma come è possibile cercare di evitare queste particolari condizioni?

Nel caso in cui i contratti siano davvero poco trasparenti e soprattutto nel caso in cui i tassi di interesse applicati al prestito richiesto con la cessione del quinto superino la soglia massima è possibile che il cliente possa richiedere il rimborso di tutti i costi del prestito.

È possibile infatti che la stessa finanziaria debba rimborsare l’intero importo al cliente nel caso in cui questi abbiano applicato al prestito richiesto dei tassi considerati usurari, ovvero che superino la soglia massima consentita per legge, come afferma Paolo Florio, coordinatore dell’Osservatorio credito e risparmio dell’associazione  sono stati davvero numerosi i clienti che nel 2009 hanno richiesto un prestito personale usufruendo della cessione del quinto, solitamente prestiti richiesti dalle fasce più deboli, dove veniva applicato un tasso di interesse Taeg sempre molto elevato e vicino alla soglia massima consentita, ma qualora la soglia superasse il limite sarà possibile denunciare la finanziaria e richiedere il rimborso.