Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Carta prepagata pro e contro: perché (non) sceglierla

Le carte prepagate sono ormai diffusissime e permettono una gestione rapida e sicura dei propri risparmi. Prima di sceglierne una è però opportuno interrogarsi in merito a carta prepagata pro e contro. Perché sceglierla e perché no? Scopriamolo insieme.

Vantaggi delle carte prepagate: vediamoli assieme

Quando si parla di carta prepagata pro e contro è bene iniziare ricordando un vantaggio importante, ossia la presenza di un plafond. La carta prepagata può infatti essere vista come un borsellino da portare con sé tutto il giorno e che può contenere massimo 1.500/2.000€.

Questo vuol dire che, in caso di furto o smarrimento, la somma sulla quale non si ha momentaneamente controllo è abbastanza contenuta, cosa che non si può affatto dire con la carta di credito, per la quale non esistono limiti di ricarica e che viene spesso utilizzata come riferimento per tutti i risparmi accantonati nel corso del tempo.

Carte prepagate: ecco perché conviene utilizzarle

Un altro aspetto da considerare quando si discute di carta prepagata pro e contro riguarda la gestione degli acquisti online.

Con la carta prepagata, considerando la già citata questione del plafond, è possibile comprare sul web con maggior tranquillità. Il motivo è molto semplice: in caso di furto dei dati si rischia infatti una somma decisamente più bassa rispetto a quella che, in media, si può trovare su una carta di credito.

Non è infatti raro che chi ama acquistare sul web sottoscriva una carta prepagata apposta per la spesa online.

I contro della prepagata: ecco i più importanti

Non tutto quello che luccica è oro. Ecco perché è possibile parlare di carta prepagata pro e contro, concentrandosi anche su quest’ultimo aspetto. Le prepagate sono senza dubbio comode e sicure, ma hanno anche degli svantaggi non indifferenti, come per esempio la necessità di pagare delle commissioni a ogni prelievo, fatta eccezione per casi rari come i prelievi effettuati dagli sportelli ATM dell’istituto di credito che ha emesso la carta prepagata.

Bisogna fare attenzione anche alle richieste di blocco della carta, eventualità che possono prevedere, a seconda delle politiche dell’istituto di credito, anche commissioni fino a 5€.

Conviene davvero avere una prepagata?

Date queste brevi informazioni relative a carta prepagata pro e contro è possibile capire se il prodotto conviene o meno? In generale si può dire che la carta prepagata costituisca una valida soluzione come appoggio per gli acquisti online o per le spese dei più giovani che, con uno strumento che ha un limite di ricarica, possono imparare a gestire meglio le proprie finanze.

La carta di credito tradizionale, ormai sicurissima anche per gli acquisti online se si evita di memorizzare i dati e se si compra su siti controllati, rimane il riferimento più valido quando si parla di spese importanti e di un’alternativa sicura per tenere sotto controllo somme consistenti, che non si ha intenzione di spendere nell’immediato.