Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Calcolo rata prestito: da dove partire per stabilire la rata

Il calcolo rata prestito è essenziale quando si sceglie il piano di ammortamento e la realtà alla quale affidarsi per la richiesta di denaro. Analizzare diversi piani è utile se si vogliono evitare sorprese poco gradite sulla sostenibilità della rata a lungo termine.

Calcolo rata finanziamento: come effettuarlo

Come si effettua il calcolo rata prestito personale? La risposta a questa domanda dipende dalla tipologia di prestito scelta e dalla realtà creditrice. I prestiti personali possono essere infatti caratterizzati anche dalla cessione del quinto dello stipendio o della pensione, caso in cui la rata mensile non può superare la quinta parte dell’emolumento (in queste situazioni è la ricezione stessa di una pensione o di uno stipendio a rappresentare una garanzia di solvibilità).

Se il trattamento pensionistico è particolarmente basso subentra la necessità di salvaguardare la pensione sociale, considerata fondamentale per la conduzione di una vita dignitosa.

Calcolo prestito TAN TAEG: cosa sapere su questi valori

Il calcolo rata prestito prevede anche un’attenzione ai valori del TAN e del TAEG, variabili fondamentali per capire l’effettiva sostenibilità della rata a lungo termine.

In questi casi ogni istituto di credito si regola secondo le proprie politiche interne, anche se è possibile individuare alcuni punti comuni, come per esempio la tendenza ad alzare i tassi dei prestiti finalizzati all’acquisto di auto usate, prodotti considerati a particolare rischio d’insolvenza.

Calcolo prestito online: come effettuarlo

Come si effettua il calcolo rata prestito online? La risposta a questa domanda dipende dalla tipologia di prestito e dalla realtà che eroga la cifra richiesta. Chi ha la necessità di richiedere un prestito online può infatti fare riferimento ai numerosi comparatori consultabili sul web – con i richiami ai piani dei vari istituto di credito e delle società finanziarie – ma anche ai siti delle singole realtà dove, in molti casi, è possibile calcolare la rata del prestito con precisione, inserendo la cifra richiesta e la durata del piano di ammortamento (il sito ufficiale di Agos è un esempio in merito).

Calcolo prestito: gli ultimi dettagli da considerare

Il calcolo rata prestito è un’operazione molto importante, che deve esere effettuata tenendo conto di diversi aspetti, come per esempio la possibilità di congelare i pagamenti in caso di difficoltà economiche.

Sono infatti diversi gli istituti di credito – tra i quali possiamo citare Banca Intesa – che consentono di bloccare il pagamento delle rate per un determinato numero di volte nel corso della vita del finanziamento, questo a fronte, quasi sempre, di almeno 24 mesi di pagamenti regolari.

Il calcolo rata prestito prevede anche un’attenzione all’eventuale penale in caso di estinzione anticipata. Ogni istituto di credito segue le proprie regole al proposito – in alcune situazioni questo onere può essere cancellato per motivi promozionali – che, in generale, prevedono il versamento dell’1% del capitale residuo (se questo è inferiore a 10.000€ non viene richiesta alcuna penale).