Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Le operazioni di calcolo rata Piccolo prestito Inpdap Inps 2019

L’uso di sistemi di calcolo è un’attività ordinaria per qualunque consumatore attento allo studio delle migliori proposte di finanziamento. Con il Web è facile acclarare, in dettaglio, le qualità delle linee di credito. Vagliando i prestiti Inps ex Inpdap riscontriamo una funzionalità indicata per la simulazione online: il calcolo rata Piccolo prestito Inpdap. Come adoperare il sito Inps per computare il Piccolo prestito e il Pluriennale diretto?

Simulazione piccolo prestito Inpdap online, come calcolare il finanziamento

Il portale dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (www.inps.it) ha approntato un’intera sezione in cui vengono rubricati i servizi digitali presentati ai suoi iscritti. Il calcolo rata Piccolo prestito Inpdap Inps prende in realtà il nome di “Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali”, ed è una funzionalità riportata appunto in “Tutti i servizi”. Il link alla pagina è mostrato nella parte superiore dell’interfaccia.

Il calcolo rata Piccolo prestito Inpdap Inps è composto da tre varianti: “Simulazione prestito”, “Simulazione prestito per rata ideale” e “Simulazione prestito per importo specifico”.

A seconda delle preferenze espresse dall’utente nella selezione del metodo di calcolo, il sistema richiederà l’inserimento dei dati per elaborare il piano di ammortamento. Tra gli input è possibile trovare, ad esempio, lo stipendio netto e la data di nascita.

Prestiti Inps ex Inpdap: il Piccolo prestito e il Pluriennale diretto

Una volta compiuto il calcolo rata Piccolo prestito Inps, l’utente può approfondire gli aspetti generali del regolamento che precisa le prerogative di questa linea di credito ex Inpdap.

Il Piccolo prestito è un’occasione riservata a dipendenti pubblici e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Il tasso è fisso, pari al 4,25%. Il rimborso è distribuito su un periodo variabile da 12 a 48 mesi.

Alla linea di credito vengono collegati due costi: aliquota dello 0,50% per le spese amministrative e premio relativo ai rischi.

Qualora l’iscritto alla Gestione unitaria abbia esigenze economiche più importanti o intenda usufruire di un piano di rimborso più esteso, può ricorrere al Prestito pluriennale diretto.

Quest’ultimo è legato a particolari motivazioni, implica un tasso fisso del 3,50%. Qui puoi trovare tutte le informazioni in merito.