Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Calcolo rata mutuo Inpdap 2015

Calcolo rata mutuo Inpdap 2015: beneficiari, somme, piano ammortamento

Il calcolo della rata del mutuo è un fattore da considerare prima della sottoscrizione di qualunque contratto, un parametro oggettivo per computare l’effettiva convenienza dei diversi prodotti finanziari. In questo nostro nuovo approfondimento tratteremo il calcolo rata mutuo Inpdap, una proposta pensata per dipendenti e pensionati pubblici, erogata dell’Inps, ente in cui è confluito l’Inpdap.

Il mutuo ipotecario ex Inpdap Inps è un finanziamento pensato per gli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici Inps rivolto all’acquisto della prima casa. Permette di conseguire una somma che può raggiungere i 300mila euro, mentre il piano di rimborso è strutturato in 10, 15, 20, 25 o 30 anni.

Oltre gli iscritti che sono in attività con contratto a tempo indeterminato, nel novero dei beneficiari figurano i pensionati della Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.

Per richiedere il finanziamento è necessario presentare, in forma telematizzata, la domanda all’interno di determinate finestre temporali: dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre.
Essendo un mutuo rivolto all’acquisto della prima casa, vi sono ulteriori condizioni specifiche da rispettare: l’iscritto o i componenti del nucleo familiare non devono essere proprietari di altre case nel nostro Paese, fatte alcune limitate eccezioni disposte dal regolamento Inps.

Per quanto attiene invece ai tassi di interesse, abbiamo due soluzioni:

  • mutui a tasso fisso: in questo caso è applicato un tasso del 3,75% per tutto il piano di ammortamento;
  • mutui a tasso variabile: è disposta l’applicazione di un tasso del 3,50% per il primo anno e quindi un tasso variabile corrispondente all’Euribor a 6 mesi, computato su 360 giorni, maggiorato di 90 punti base, rilevato il 30 giugno o il 31 dicembre del semestre precedente.

Il pagamento si realizza attraverso MAV precompilati che sono forniti all’utente. Se le disponibilità della Direzione Regionale di riferimento non risultino sufficienti, verranno definite graduatorie dai diversi Uffici Provinciali e Territoriali.

Calcolo rata mutuo Inpdap 2015, simulazione

Entriamo adesso nel merito dei numeri relativi al calcolo rata mutuo Inpdap. Abbiamo considerato una richiesta relativa al mutuo a tasso fisso. La nostra simulazione prende in esame un piano di rimborso di 20 anni di 150mila euro a fronte di un immobile dal valore di 200mila euro. Le spese di amministrazioni ammontano a 750 euro, l’imposta sostitutiva è di 375 euro, mentre la rata mensile sarà di 922,56 euro. Il beneficiario andrà a rimborsare globalmente 221.413,33 euro e dovrà avere un reddito annuo minimo di 22.141,33 euro.