Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Calcolo rata leasing: tutte le variabili da considerare

Il calcolo rata leasing è un processo il cui risultato cambia a seconda della tipologia di bene interessato dall’operazione (autoveicolo o immobile). Prima d’iniziare a dare informazioni in merito è necessario ricordare che quando viene sottoscritto un contratto di leasing, nel corso del piano di ammortamento la proprietà del bene rimane alla società finanziaria o all’istituto di credito e non passa all’utilizzatore, che ha però la possibilità di riscattarlo alla fine del contratto.

Contratto leasing: altre informazioni sui costi

Parlare di calcolo rata leasing vuol dire ricordare prima di tutto che, in sede di sottoscrizione del contratto, viene definita l’entità del prezzo di riscatto, ossia la cifra che l’utilizzatore, una volta raggiunta la fine del piano di ammortamento, ha la possibilità di pagare per diventare proprietario del bene.

Rata leasing: i parametri da considerare

Quando si procede con il calcolo rata leasing è necessario tenere conto delle principali voci di spesa mensili. Quali sono? In primo luogo il tasso d’interesse nominale. Fondamentale è però anche tenere conto dello sconto iniziale pattuito con la realtà proprietaria del bene e del valore residuo di quest’ultimo alla fine del piano di ammortamento.

Altro aspetto che bisogna considerare quando si calcola il peso della rata è l’anticipo in contanti versato in sede di perfezionamento del contratto.

Leasing auto: la formula da seguire

Per il calcolo rata leasing auto – gli autoveicoli sono beni per i quali il leasing è un’ottima alternativa di risparmio – è necessario prendere in considerazione una formula specifica. Per ricavarla bisogna considerare le seguenti voci: prezzo di listino, ritiro usato, anticipo, valore residuo finale del bene.

La formula completa prevede l’esecuzione di una sottrazione delle ultime tre voci dal prezzo di listino. Il risultato va poi diviso per il numero di rate. Fondamentale è ovviamente considerare gli oneri accessori e l’IVA.

Rata leasing immobiliare: ecco cosa sapere

Grazie al varo della Legge di Stabilità 2016 è possibile acquistare in leasing la prima casa d’abitazione. Cosa c’è da sapere in merito per quanto riguarda il calcolo rata leasing? Prima di tutto che, sia in sede d’acquisto dell’immobile sia per quanto riguarda il calcolo del canone, l’IVA è pari al 10%.

Il cliente che intende sottoscrivere un contratto di leasing immobiliare – ricordiamo che ci sono agevolazioni speciali per gli under 35 con un ISEE inferiore ai 35.000€ annui – ha la possibilità di pagare anticipatamente una somma pari al 10/30% del valore complessivo dell’immobile.

Più è alta la rata iniziale, maggiore sarà la convenienza del piano di ammortamento, anche per quanto riguarda i tassi d’interesse. In caso di utilizzatore aziendale, l’IVA pagata sul canone può essere dedotta dall’Irpef.