Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come valutare l’ assicurazione sul prestito e quando è prevista

Assicurazione prestito come funziona e quando è obbligatoria

Quando si sottoscrive un finanziamento, tra le voci di costo può l’assicurazione. Copertura che ha lo scopo di tutelare la banca o finanziaria che concede il capitale nel caso in cui la capacità di rimborso del cliente subisse una riduzione. Ma vale la pena di spendere per l’ assicurazione sul prestito?

Per analizzare la questione dell’ assicurazione sul prestito è necessario innanzitutto chiarire che non è obbligatoria per legge. Fanno tuttavia eccezione i prodotti con rimborso tramite cessione del quinto. In questo caso infatti è la normativa di riferimento a stabilire la necessità della polizza, che risulta quindi obbligatoria. Lo stesso vale per il prestito delega.

Prodotti che richiedono ailavoratori dipendenti la sottoscrizione di una polizza contro rischio vita e rischio impiego. La copertura interviene quindi sia in caso di morte, che se si verificano situazioni che portano ad una diminuzione del reddito, o addirittura all’ammanco dello stesso.

In caso di prestiti su cessione del quinto richiesti da pensionati (la delega di pagamento è rivolta solo ai lavoratori) è richiesta solo la polizza contro il rischio vita. Questa ha lo scopo di garantire il saldo del debito anche se il beneficiario muore prima dell’estinzione del prestito.

Sebbene per i prestiti tradizionali non sia obbligatoria, la polizza assicurativa resta comunque un’opzione da valutare. Si tratta infatti di una forma di tutela che può risultare utile, soprattutto se si parla di finanziamenti con una certa durata.

Costi dell’assicurazione prestito

Quanto costa l’ assicurazione sul prestito? Sia per quanto attiene ai prestiti su cessione del quinto che per i tradizionali prestiti personali, il costo varia a seconda della durata e dell’età del richiedente.

Per legge l’istituto di credito è tenuto a presentare al cliente minimo due preventivi di polizza, come alternativa a quello proposto dalla compagnia assicurativa convenzionata con la banca. Il cliente può scegliere una delle soluzioni proposte oppure provvedere personalmente alla sottoscrizione della polizza.