Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Assicurazione prestiti: novità dall’ABI

Assicurazione prestiti: novità dall’ABI. L’assicurazione prestiti rappresenta una tutela che interviene a garantire la linea di credito accordato dall’eventualità di insolvenza. Non si tratta di una vera e propria novità, da diverso tempo è parte integrante del nostro sistema bancario, una soluzione adottata spesso nei prestiti personali, ma solo adesso è stato definito un nuovo protocollo.

L’accordo è stato siglato dall’ABI e le associazioni dei consumatori. Il nuovo regolamento ha introdotto delle semplificazioni che rendono più semplice l’approccio per il cliente. Cerchiamo di fare chiarezza, partendo dalle caratteristiche delle assicurazioni per prestiti.

L’assicurazione prestiti è associata alla linea di credito ottenuta e costituisce una tutela nell’eventualità di impossibilità di pagamento delle rate che compongono il piano di rimborso. L’assicurazione, quindi, va a sostenere il debito contratto solo se non siamo capaci di pagarlo per ragioni non attribuibili alla volontà del richiedente.

Quando interviene l’assicurazione? Queste sono le principali circostanze in cui interviene l’assicurazione: Inabilità Temporanea Totale, Invalidità Permanente, Malattia Grave, Decesso e Perdita d’impiego. A dispetto di quello che molti possono pensare, l’assicurazione sui prestiti è una formula facoltativa e non necessaria per conseguire il credito.

Per comprendere se si tratta di una proposta davvero conveniente, valutate il “periodo di carenza”. Si tratta di un lasso di tempo durante il quale l’assicurazione non è attiva. Vi sono inoltre dei limiti massimi di rimborso da considerare e periodo di “franchigia” che non prevedono il rimborso delle rate.

Quali sono le ultime novità? L’accordo citato coinvolge ben 55 banche e intermediari finanziari, e prevede il conseguimento dei seguenti obiettivi:

  • promuovere una trasparenza sempre più sostanziale dal punto di vista della clientela;
  • rafforzare la libertà di scelta;
  • garantire maggiore consapevolezza del consumatore sulle caratteristiche delle diverse tipologie di servizi e prodotti offerti da banche e intermediari finanziari;
  • rendere più agevole l’accesso ad opportune coperture assicurative per mutui e credito al consumo.