Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Assegno terzo figlio Inps

Assegno nucleo familiare terzo figlio Inps: cos’è e chi ne ha diritto?

L’assegno terzo figlio è una delle agevolazioni previste dallo Stato a sostegno del reddito delle famiglie numerose. L’iniziativa di sostegno alle famiglie è da intendersi come un aiuto economico per i nuclei familiari particolarmente numerosi e prevede quindi che sia richiesto e concesso dal Comune di residenza e pagato dall’INPS. L’assegno terzo figlio può essere richiesto ogni anno in cui nella famiglia sono presenti tre figli minorenni.

L’istanza deve essere presentata entro il mese di gennaio dell’anno successivo a quello per il quale viene richiesto l’assegno. Se si richiede l’agevolazione per l’anno 2014, ad esempio, la domanda dovrà essere presentata entro il 31 gennaio 2015.

Inps domanda assegno terzo figlio: quali i requisiti necessari per ottenere l’agevolazione?

Affinché l’assegno possa essere corrisposto, è necessario che al momento della domanda la famiglia richiedente sia in possesso di tutti i requisiti necessari per la concessione dell’agevolazione. Per avere diritto all’assegno terzo figlio Inps è necessario essere in possesso di un requisito di cittadinanza e corrispondere i criteri di nucleo familiare previsti.

Per avere diritto all’agevolazione è necessario che il richiedente sia un cittadino italiano o un extracomunitario residente nel territorio dello Stato. Per quanto riguarda il nucleo familiare, questo deve essere composto da almeno un genitore e 3 figli di età inferiore agli 18 anni, compresi i figli minori del coniuge e i minori in affidamento preadottivo.

Condizione necessaria per accedere all’agevolazione è che tutti i membri della famiglia richiedente facciano parte della stessa famiglia anagrafica. L’assegno non può essere concesso se uno dei tre figli minori, pur essendo nella famiglia anagrafica del richiedente, risulti in affidamento presso terzi.

In caso di irreperibilità o di esclusione dall’esercizio della potestà genitoriale del richiedente, il Comune può concedere l’assegno ad un altro componente della famiglia anagrafica. In caso di decesso del richiedente invece l’assegno può essere concesso all’altro genitore o a un altro componente della famiglia anagrafica.

Assegno terzo figlio Inps 2014: limiti di reddito e presentazione della domanda

Hanno diritto all’assegno terzo figlio Inps le famiglie con un reddito complessivo, dichiarato nell’ultimo 730 o Unico, o reddito complessivo ai fini Irpef, risultante dall’ultimo CUD, e situazione patrimoniale mobiliare ed immobiliare, non superiore ai limiti fissati annualmente dal Governo. Attualmente per i nuclei familiari composti da cinque persone, di cui almeno tre figli minori, il tetto massimo di reddito ISEE è fissato a 25.384,91 euro.

Come presentare domanda? Il richiedente deve presentare l’istanza per l’ottenimento dell’agevolazione presso il proprio Comune di residenza, entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello per cui richiede l’assegno. Alla domanda dovrà essere allegata inoltre la Dichiarazione Sostitutiva Unica, contenente la situazione patrimoniale e reddituale del nucleo familiare per il calcolo dell’ISEE 2014, da fare presso CAF o Patronati.