Regolamento prestito pluriennale Inpdap

Regolamento prestito pluriennale Inpdap: chi può accedere ai finanziamenti?

I prestiti pluriennali Inpdap sono particolari finanziamenti, che vengono erogati direttamente dal fondo di credito dell’istituto. Questi sono consessi a dipendenti e pensionati pubblici, esclusivamente a fronte di particolari necessità familiari o personali.

Alla domanda di richiesta dovranno dunque essere allegati: un’autocertificazione attestante la specifica motivazione, prevista tra quelle autorizzabili dal fondo, per cui si richiedere il prestito, una dettagliata documentazione di spesa e un certificato medico di sana costituzione fisica.

Possono richiedere il piccolo prestito pluriennale i dipendenti pubblici in attività assunti con contratto a tempo indeterminato e con almeno 4 anni di anzianità. I lavoratori messi in pensione invece, oltre a essere titolari di un trattamento pensionistico, devono avere anche almeno 4 anni di versamento contributivo presso la Gestione unitaria dell’Inpdap.

Regolamento prestito pluriennale diretto Inpdap: piano di ammortamento e spese del finanziamento

I prestiti pluriennali possono avere durata di 5 o 10 anni e il piano di ammortamento è a rate costanti, rimborsabili tramite decurtazione della rata dallo stipendio o dalla pensione, rispettivamente, in 60 o 120 rate mensili consecutive. L’importo della rata non può superare la quinta parte dello stipendio, o della pensione, al netto delle tasse.

Ma quali sono i costi dei prestiti pluriennali? Sull’importo importo lordo del finanziamento, vengono applicati:

  • un tasso di interesse nominale annuo (TAN) del 3,50%
  • una ritenuta dello 0,50% per spese di amministrazione
  • un contributo per il fondo rischi.

Il contributo fondo rischi viene definito sulla base delle misure percentuali previste per le diverse categorie di richiedenti, come descritto nella tabella, allegata al regolamento dei prestiti pluriennali, disponibile sul sito inps.it.

Regolamento prestito pluriennale Inpdap: quali le spese previste?

Quali sono le spese ammissibili per ottenere un prestito pluriennale Inpdap? Ecco un breve sunto delle spese finanziabili per i prestiti pluriennali Inpdap di durata quinquennale e decennale

Spese previste per prestiti Inpdap quinquennali:

  • Rapina, furto, incendio
  • Trasloco per esigenze familiari o per trasferimento ad altra sede di lavoro del richiedente
  • Recupero di danni provocati da calamità naturali (terremoti, alluvioni, ecc.)
  • Lavori condominiali della casa in proprietà di residenza
  • Manutenzione ordinaria per la casa di residenza (ammissibile solo nei casi in cui il richiedente sia proprietario, usufruttuario o conduttore o convivente con i genitori proprietari, usufruttuari o conduttori)
  • Spese per l’installazione domestica di impianti di energia rinnovabile nella casa di residenza
  • Acquisto di un’auto nuova
  • Nascita o adozione di un figlio
  • Acquisto di protesi dentarie e pagamento di cure odontoiatriche riferite all’iscritto, al coniuge e ai figli a carico
  • Acquisto di autovettura modificata, di carrozzella ortopedica per portatori di handicap e di protesi di elevato costo
  • Decesso di familiari
  • Matrimonio dell’iscritto o del figlio dell’iscritto
  • Iscrizione e frequenza a corsi post laurea di durata non inferiore a due anni dell’iscritto, del coniuge o del figlio dell’iscritto

Spese previste per prestiti Inpdap decennali:

  • Riscatto di alloggi popolari o di alloggi di enti pubblici in cui risiede il richiedente
  • Acquisto di un’abitazione adibita a prima casa
  • Acquisizione di casa in cooperativa o da cooperativa costituita da locatari di abitazioni di enti pubblici in corso di dismissione
  • Estinzione anticipata o riduzione di un mutuo ipotecario stipulato dall’iscritto o dal coniuge
  • Costruzione della casa destinata ad abitazione principale dell’iscritto
  • Spese legate a malattie gravi del richiedente o di uno dei componenti del suo nucleo familiare
  • Manutenzione straordinaria, risanamento conservativo, restauro o ristrutturazione edilizia della casa in proprietà o nuda proprietà
  • Casi eccezionali che non rientrano nella casistica prevista, ma socialmente rilevanti e gravi da richiedere un cospicuo impegno economico.

Per quanto riguarda i tempi di erogazione delle somme richieste con i prestiti pluriennali Inpdap, questi possono variare a seconda della tipologia del prestito e dall’importo. Generalmente il prestito viene concesso entro 90 giorni dalla ricezione della domanda.

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: