Fino a 150 mila prestiti Inpdap per acquisto prima casa figlio a tasso agevolato

Come funziona il prestito Inpdap acquisto casa figlio

Vedere un figlio in una situazione di stabilità economica è un obiettivo per qualunque genitore. Con la crisi economica però sono sempre meno i giovani che riescono ad acquistare casa. Situazione che spesso impone ai ragazzi di vivere con i genitori anche fino a 30 anni. Dipendenti e pensionati pubblici possono però fornire un importante aiuto ai figli in difficoltà sottoscrivendo i prestiti Inpdap per acquisto prima casa figlio.

Si tratta di prestiti a tassi agevolatiche possono essere sottoscritti da dipendenti e pensionati pubblici al fine di acquistare la casa di residenza di un figlio maggiorenne. È necessario però che il figlio in questione desideri costituire un nucleo familiare proprio, distinto da quello dei genitori.

Il figlio deve inoltre risultare come titolare dell’acquisto della casa oggetto del finanziamento. Nel caso in cui il figlio per cui si desidera acquistare la casa non risulti compreso dello stato di famigliadel richiedente, sarà necessario fornire un’autocertificazione che attesta il rapporto di parentela tra i due.

Importi e tasso 2018

Ma quali sono le condizioni dei prestiti Inpdap per acquisto prima casa figlio? Tali finanziamenti rientrano nella categoria dei prestiti pluriennali Inps ex Inpdap. Prodotti che sono concessi solo per far fronte a specifiche spese, che devono rientrare tra quelle ammesse dall’Inps nell’apposito regolamento.

Le finalità per cui è possibile richiedere i prestiti includono quindi l’acquisto della casa di residenza. Abitazione che a partire dall’entrata in vigore del Regolamento Prestiti Inpdap 2011 può essere acquistata anche per il figlio.

La somma massima finanziabile dei prestiti Inpdap per acquisto prima casa figlio è fissa a 150 mila euro. Denaro che va rimborsato con un piano di ammortamento che si estende per 10 anni.

Il tasso di interesse (Tan) è fissato al 3,5%.Sull’importo lo lordo del finanziamento si applica poi un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione. Previsto anche il pagamento di un premio per il Fondo di garanzia dell’Inps, variabile a seconda dell’importo del prestito e dell’età del richiedente.

Simulazione prestito Inpdap calcolo rata online

Sul sito ufficiale dell’Inps è presente un servizio per ilcalcolo della rata online. Il servizio di simulazione del prestito è accessibile a tutti gli utenti e non richiede l’autenticazione con il Pin Inps.

Per maggiori informazioni su come calcolare la rata di ammortamentovi rimandiamo alla nostra guida.

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: