Prestiti dipendenti comunali: procedure di richiesta

Le modalità di accesso al credito oggi sono sempre più numerose. In questo novero è possibile includere anche i prestiti dipendenti comunali.

Prestiti Inpdap dipendenti comunali: quali sono?

Non esiste una formula precisa dedicata ai prestiti dipendenti comunali. Per trovare alternative utili in merito è necessario considerare i prestiti dedicati ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche.

Tra le numerose alternative utili al proposito è possibile ricordare i prestiti pluriennali Inpdap, riservati agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, che hanno la possibilità di richiedere l’accesso al credito per finalità molto diverse, che riguardano problemi di natura sia personale sia familiare.

Prestiti ai dipendenti comunali: altre informazioni sui pluriennali Inpdap

I prestiti dipendenti comunali, come già ricordato, comprendono diverse alternative. Iniziamo a parlare dei pluriennali Inpdap, ricordando che gli utenti che progettano di richiederli hanno la possibilità di scegliere piani di ammortamento della durata compresa tra i 60 e i 120 mesi.

Questi prestiti sono inoltre caratterizzati da un tasso fisso per tutta la durata del piano di ammortamento, pari al 3,50%. Da considerare sono anche le spese amministrative, pari allo 0,50% della cifra richiesta, e il contributo fondo rischi, che varia sulla base dell’età del richiedente al momento dell’inizio e alla fine del piano di rimborso.

Prestiti dipendenti comunali BNL: le convenzioni

Sono diversi gli istituti di credito e le società finanziarie che hanno stipulato convenzioni per consentire a dipendenti pubblici e statali di accedere in maniera più rapida al credito. A tal proposito è possibile citare i prodotti BNL come valido esempio di prestiti dipendenti comunali.

Come funzionano? Iniziamo ad analizzarli partendo dalla formula Prestito Dipendenti Pubblici, che consente di richiedere un finanziamento massimo di 100.000€, da rimborsare attraverso un piano di rimborso della durata massima di 120 mesi.

Prestiti per dipendenti comunali: altre informazioni sul Prestito Dipendenti Pubblici di BNL

Cosa è importante sapere sui prestiti dipendenti comunali e sul Prestito Dipendenti Pubblici BNL in particolare? Che questo prodotto è caratterizzato da un tasso fisso per tutto il ciclo di vita del finanziamento e che, dopo 12 mesi di rimborso regolare, il titolare del contratto di prestito ha la facoltà di sospendere temporaneamente l’erogazione delle rate in caso di difficoltà economiche (questo implica chiaramente un allungamento del piano di ammortamento).

  

Confronta gratis i migliori prestiti INPS INPDAP

Più preventivi richiedi e maggiori possibilità avari di trovare il miglior prestito per dipendenti e pensionati tramite cessione del quinto dello stipendio.

Fra l'altro l'esito della fattibilità ti verrà dato in pochi minuti e l'erogazione in 48 ore, se confermerai il tutto.

Provare non costa nulla perchè il preventivo per il calcolo della rata del finanziamento è GRATUITO e SENZA IMPEGNO.

>>> Preventivo gratis e senza impegno: calcola la tua rata <<<

Sulla base della propria capacità di rimborso è inoltre possibile richiedere il rinnovo del prestito a partire dalla sesta rata.

Prestiti ai dipendenti comunali: la cessione del quinto BNL

La convenzione tra Inps e BNL Gruppo BNP Paribas consente di scegliere diverse opzioni relative ai prestiti dipendenti comunali. In questo novero è possibile includere anche la cessione del quinto, una formula di accesso al credito molto vantaggiosa, che consente di considerare la ricezione della busta paga il principale punto di riferimento per la garanzia di solvibilità (non è necessaria la presentazione di garanzie di natura immobiliare).

Tra i vantaggi della cessione del quinto è possibile ricordare anche la possibilità di accedere al credito se il proprio nome è iscritto nell’elenco dei cattivi pagatori e protestati.

Cessione del quinto BNL: ecco come funziona

Parlare di prestiti dipendenti comunali significa considerare la formula che BNL dedica alla cessione del quinto dello stipendio. Come funziona di preciso? Con la possibilità di richiedere un finanziamento massimo pari a 104.000€ e rimborsabile tramite trattenuta a monte della quinta parte della busta paga.

L’utente ha la facoltà di scegliere un piano di rimborso della durata compresa tra i 24 e i 120 mesi.

Prestiti convenzionati dipendenti comunali: altre specifiche sulla cessione del quinto BNL

Concludiamo questa guida dedicata a prestiti dipendenti comunali specificando che la cessione del quinto dello stipendio proposta da BNL Gruppo BNP Paribas prevede spese di gestione pari a 450€, che vengono rimborsate in caso di estinzione anticipata del debito (ovviamente si parla della quota non dovuta).

Gli oneri d’istruttoria e le spese di distribuzione sono invece pari rispettivamente a 100 e 200€ (l’ultima voce di spesa non è rimborsabile in caso di estinzione anticipata del debito).

Le commissioni d’incasso non sono presenti e l’imposta di bollo è a carico dell’istituto di credito. Per procedere con la richiesta è necessario presentare le ultime due buste paga, il codice fiscale, il certificato stipendiale, l’estratto contributivo.

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: