Inpdap prestiti pluriennali diretti e garantiti

Inps gestione ex Inpdap prestiti pluriennali

La Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps, creata in seguito alla soppressione dell’Inpdap, è l’ufficio che si occupa di gestire le pratiche relative ai dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione. Tra le prestazioni di competenza della Gestione troviamo i prestiti pluriennali Inpdap, linee di credito a tassi di interesse agevolato dedicate agli iscritti ex Inpdap. I prestiti pluriennali Inpdap si dividono in diretti e garantiti.

I primi sono erogati direttamente dalla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo credito dell’Inps), mentre i prestiti garantiti sono concessi da istituti di credito convenzionati con l’istituto. Vediamo dunque quali sono le caratteristiche dei prestiti pluriennali e chi può accedere a questi finanziamenti.

Inpdap prestiti pluriennali diretti

I prestiti pluriennali diretti sono erogati dall’Inps a fronte di documentate necessità personali o familiari, rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento prestiti Inpdap. L’importo erogabile e la durata del finanziamento (quinquennale o decennale) sono definiti in base alla motivazione per cui si richiede il credito.

Possono ottenere i prestiti Inpdap diretti esclusivamente i dipendenti e pensionati iscritti al Fondo credito da almeno tre anni. Ai fini dell’accesso al credito è necessario inoltre che i richiedenti siano in possesso di un’anzianità di servizio utile alla pensione non inferiore a quattro anni.

Ai prestiti si applica un tasso di interesse del 3,50%, un’aliquota per le spese di amministrazione dello 0,5% e una per il fondo rischi dell’Inps definita in base all’età del richiedente. Il rimborso del credito avviene tramite cessione del quinto dello stipendio o della pensione, la rata mensile non può quindi superare la quinta parte del reddito percepito.

  

Confronta gratis i migliori prestiti INPS INPDAP

Più preventivi richiedi e maggiori possibilità avari di trovare il miglior prestito per dipendenti e pensionati tramite cessione del quinto dello stipendio.

Fra l'altro l'esito della fattibilità ti verrà dato in pochi minuti e l'erogazione in 48 ore, se confermerai il tutto.

Provare non costa nulla perchè il preventivo per il calcolo della rata del finanziamento è GRATUITO e SENZA IMPEGNO.

>>> Preventivo gratis e senza impegno: calcola la tua rata <<<

La domanda di credito deve essere invita per via telematizzata tramite il servizio on line Domande web Prestiti Pluriennali. Gli iscritti in servizio devono inoltrare la richiesta tramite l’amministrazione di appartenenza, mentre i pensionati possono procedere all’invio esclusivamente tramite l’area riservata del sito Inps utilizzando il proprio Pin dispositivo.

Chi non possiede il Pin può richiederlo presso qualunque sede Inps. Gli iscritti che invece dispongono di un Pin di tipo on line possono convertirlo in dispositivo, tramite la procedura Converti PIN disponibile sul sito Inps (percorso: Home- PIN online - Converti PIN).

Ricordiamo inoltre che ai moduli di domanda l’iscritto deve allegare un certificato medico di sana costituzione fisica e tutta la documentazione relativa allo stato di bisogno e all’eventuale spesa, a seconda della motivazione prevista nel Regolamento prestiti Inpdap.

Inpdap prestiti pluriennali garantiti

Per quanto riguarda invece i prestiti pluriennali garantiti, si tratta di finanziamenti concessi da banche e finanziarie convenzionate con l’Inps e autorizzate a concedere prestiti ai sensi dell'art. 15 del D.P.R. 180/50. L’Istituto garantisce il finanziamento in caso di riduzione dello stipendio, cessazione dal servizio senza diritto alla pensione o decesso dell'iscritto.

I prestiti pluriennali garantiti sono riservati agli iscritti alla Gestione unitaria per le prestazioni creditizie e sociali. Per ottenere i prestiti pluriennali garantiti è necessario inoltre essere in attività di servizio e avere almeno quattro anni di anzianità di servizio effettivo utili alla pensione.

I finanziamenti possono avere durata quinquennale o decennale e sull’importo lordo gravano gli interessi e le spese di amministrazione degli Istituti di credito mutuanti e un’aliquota per le spese di amministrazione della Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps. Sui finanziamenti si applica inoltre un premio compensativo per il rischio di insolvenza, nella misura dell'1,5% per i prestiti di durata quinquennale e del 3% per quelli decennali.

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: